SHARE
43 - Wayne Rooney
43 - Wayne Rooney
43 – Wayne Rooney

Wayne Rooney ha chiuso il 2014 da eroe, rappresentando il vero trascinatore della squadra e risultando il secondo miglior marcatore dopo Van Persie nonostante la nuova posizione assegnatagli da Van Gaal. Il gol per Rooney non è sembrato essere un problema e, pur giocando a centrocampo, è riuscito a raggiungere il terzo posto nella classifica dei marcatori storici della squadra alle spalle di Sir Bobby Charlton e Denis Law. Queste felici premesse portavano a pronosticare un 2015 da favola per Rooney e lo United, finalmente conscio di aver trovato continuità e di nuovo in scia del City, ma al contrario l’anno nuovo è iniziato con tanti alti e bassi. I Red Devils sono tornati ad essere la squadra imprevedibile di inizio anno e, pur avendo migliorato la solidità difensiva, ora difettano proprio in ciò che dovrebbe riuscire loro ad occhi chiusi: il gol.

E chi è il principale responsabile di questa involuzione? E’ triste ammetterlo, ma dati alla mano lo United sembra aver sofferto il periodo no proprio di Wayne Rooney. Le statistiche non mentono: in cinque partite l’ex Everton ha collezionato 0 reti e 0 assist, ma la cosa più sconvolgente è che non ha mai tirato nello specchio della porta. Se aggiungiamo i 67 passaggi sbagliati otteniamo una serie di prestazioni abbondantemente al di sotto della sufficienza che, considerando l’importanza di questo giocatore per la sua squadra, spiegano l’assenza di quella marcia in più che aveva caratterizzato la rincorsa degli uomini di Van Gaal. Qualche risultato, nonostante tutto, è arrivato ed i Red Devils sono ancora in piena corsa per raggiungere i rivali, Southampton permettendo. Recuperare Rooney vuol dire recuperare il baricentro di una squadra composta da campioni forse troppo disuniti tra loro: il capitano è il cemento che li unisce rendendoli una squadra e, non appena tornerà a giocare al massimo delle sue possibilità, siamo certi non solo che tornerà a segnare, ma riuscirà a far girare meglio anche i suoi compagni riportando lo United sulla strada della continuità.

SHARE