SHARE

vicenza

La squadra del momento in Serie b è sicuramente il Vicenza del mister Pasquale Marino. E pensare che non doveva nemmeno partecipare a questo campionato, dato che si è assicurata l’iscrizione grazie ad un ripescaggio.

L’inizio è stato quello che ci si aspettava, il mercato fatto in fretta e furia aveva messo insieme una squadra che sembrava poter ambire alla salvezza passando per i play-out, al servizio di mister Giovanni Lopez. Il cammino dell’allenatore romano,però, si fermò definitivamente all’ 11/a giornata, quando i veneti persero per 2-0 contro il Modena. A sostituirlo l’ex tecnico di Udinese e Pescara, Pasquale Marino, che ereditò una squadra con il peggior attacco e al terzultimo posto in classifica.La situazione non era delle più idilliache, ma dopo 14 partite la musica è totalmente cambiata. I biancorossi hanno incominciato a correre e in 14 gare hanno messo insieme ben 27 punti. Adesso la squadra occupa il sesto posto, a tre punti dal terzo in piena lotta play-off.

Tutto questo è potuto accadere grazie ad un mix di giovani e “anziani”, che hanno saputo amalgamarsi sotto la sapiente guida di mister Marino. I giocatori arrivati in estate, i vari Ragusa, Di Gennaro, Moretti, Laverone, sono riusciti a conciliarsi con un nutrito gruppo di giovani destinati a giocare in Lega Pro. L’età media, infatti, è di soli 24,2 anni, pochi per un campionato pieno di insidie come quello cadetto. Tra questi nuovi arrivi, sotto la gestione del tecnico di Marsala, è riuscito a esplodere e ad affermarsi definitivamente il bomber sardo Andrea Cocco, arrivato a toccare quota 11 reti. L’attaccante, reduce da un’esperienza molto deludente alla Reggina, ha trovato la sua dimensione grazie al modulo spregiudicato di Marino che lo pone come ultimo terminale offensivo. Il 4-2-1-3, infatti, sposa a meraviglia le caratteristiche dell’ex Reggina, dato che con i rifornimenti dalle fasce degli esterni come Giacomelli e Laverone, può essere padrone dell’area di rigore e, come fatto contro il Perugia, ribaltare una partita.

Calcio spettacolo ed entusiasmo tra esperienza e spregiudicatezza tipica dei giovani: ora il Vicenza sogna l’impresa.

SHARE