SHARE

Puscas

Anche questa settimana un calciatore dell’Inter si è sottoposto ad una sessione di botta e risposta sul noto social network Twitter: stavolta è toccato al giovane attaccante George Puscas, che ultimamente il tecnico Roberto Mancini sta proponendo in prima squadra, addirittura da titolare.

Puscas ha ovviamente risposto alle domande dei tifosi parlando della sua situazione attuale, di alcuni ricordi e della sua vista a Milano. Ecco le parole di Puscas: “Quando sono arrivato in Italia è stato difficile, non sapevo la lingua, ma in 3-4 mesi ho imparato e mi sono anche abituato al calcio italiano. Il mio sogno nel cassetto è diventare un grande calciatore e fare una grande carriera: prima della partita prego sempre, sono ortodosso. Ho tanta fiducia in me stesso, il mister mi dà tanti consigli e sto crescendo molto in campo. Mi trovo bene con tutti i compagni, soprattutto con Donkor, avevamo già legato in Primavera. Palacio mi aiuta tanto con tanti consigli: è emozionante allenarsi con giocatori così. Ruolo? Preferisco fare la punta centrale, ma anche giocare esterno, per puntare la profondità, e non vedo l’ora di esordire in prima squadra in Nazionale. Le mie migliori qualità credo siano velocità, potenza, tecnica, devo migliorare in tutto, soprattutto nel calciare con il sinistro. Dovessimo andare in finale al Viareggio sarei disponibile per aiutare la squadra, se Mancini si accorderà con Vecchi. Il momento più bello sinora? La prima tripletta, fatta contro il Milan nel campionato Primavera. Da bambino ho sempre voluto fare l’attaccante: seguivo sempre il Chelsea e tante partite dell’Inter, mi ispiravo ad Ibrahimović, e mi piacevano Torres e Zanetti, la bandiera dell’Inter. Ricordo che quando Casiraghi ha deciso di portarmi qui, ha detto di averci messo solo due minuti a prendere la decisione. Ora mi sto concentrando tanto sul calcio: vivo ad Interello, faccio palestra e mi riposo. Per il resto, esco e vado al cinema, al ristorante, in Duomo. Mi piace anche incontrare i tifosi, ci sostengono sempre. Che Top 11 sceglierei? Neuer; Dani Alves, David Luiz, Thiago Silva, Marcelo; Modrić, Iniesta, Guarín; Ronaldo, Ibra e Robben.”

SHARE