SHARE

boveau

La Ligue 1 forse è tra i campionati d’Europa quello che maggiormente permette ai calciatori delle cosiddette “piccole” di mettersi in mostra, tra questi merita una particolare citazione: Claudio Beauvue.

Beauvue è la stella del Guingamp, che grazie ai suoi gol si trova al decimo posto in classifica, togliendosi la soddisfazione di battere in casa il Psg e di qualificarsi ai 16esimi di Europa League (nello stesso girone della Fiorentina). Classe 88, alto 1.74, Beauvue si forma nella serie minori francesi, facendosi le ossa nello Chateauroux dove in 64 partite riesce a realizzare 17 reti, dopo una breve e deludente parentesi al Bastia passa al Guingamp. Il giocatore nella squadra bretone ha fatto il definitivo salto di qualità, raggiungendo nell’attuale stagione in Ligue 1 quota 11 gol impreziositi da 10 assist mentre in Europa League con le 4 reti realizzate è diventato uno dei più importanti artefici del passaggio del turno del club francese.

Beauvue è un attaccante atipico, visto che ama giocare all’esterno per poi accentrarsi, gioca spesso sulla linea del fuorigioco prendendo facilmente in controtempo i difensori avversari. Brevilineo, molto rapido, è dotato di capacità fisiche fuori dal comune infatti il colpo di testa è la sua specialità pur non essendo un gigante: grazie al suo imperioso stacco e la sua abilità negli inserimenti è letale sulle palle alte. Questo attaccante è bravo sui calci piazzati ed è un freddo rigorista, nonostante sia il bomber della squadra, Beauvue non è egoista sotto porta ma spesso cerca di offrire palloni invitanti ai compagni di squadra (come nell’ultima partita dove ha fornito l’assist vincente per Leveque per la preziosa vittoria ai danni del Monaco).

Piccola curiosità: nonostante si sia formato calcisticamente in Francia, Beauvue gioca nella nazionale del Guadalupa, davvero un peccato visto che avrebbe fatto molto comodo a Deschamps, ma la grande vetrina internazionale è solo posticipata alla stagione prossima, visto il forte interesse di tantissimi club europei (tra questi anche Lazio e Cagliari). Guingamp è stata il trampolino di lancio di un certo di Drogba, chissà che la storia non possa ripetersi…

SHARE