SHARE

Roberto Mancini

Dopo la ritrovata vittoria contro il Palermo, l’Inter ritrova la serie A con la sfida delle 15:00 di domenica in casa dell’Atalanta. La conferenza stampa di Roberto Mancini alla vigilia del match.

MODULI – “4-3-3, 4-3-1-2, è la stessa cosa, non è un problema di moduli. Conta che l’attitudine dei giocatori sia buona. Le garanzie la squadra me le dà giorno dopo giorno. L’atteggiamento sta diventanto molto molto positivo”.

KOVACIC CAMPIONE? – “Ci vuole solo tempo. Ha grandi qualità, può fare partite più o meno buone. Migliora giorno dopo giorno. Mateo è ancora molto giovane e quindi non ha ancora un ruolo ben definito. Le sue qualità gli permettono di essere impiegato in più ruoli, adesso potrebbe giocare ovunque. Per giocare davanti alla difesa deve essere anche più maturo. C’è bisogno di tempo”.

BROZOVIC E SANTON – “Santon ha fatto 2 partite in 4 giorni, l’unica paura che ho è che magari abbia bisogno di recuperare. Brozovic ha mostrato buone cose, ma ha bisogno di ambientarsi al calcio italiano. Ha qualità. Piano a paragonarlo a Stankovic, magari diventerà anche più forte ma è ancora giovane”.

PODOLSKI – “Ha fatto bene le prime due gare poi è un po’ calato. È un giocatore con qualità ed esperienza, ci può dare una grande mano in campionato”.

TERZO POSTO – “Non bisogna mai mollare, nel calcio bisogna fare così. Ora pensiamo all’Atalanta, poi con un filotto di vittorie tutto potrebbe cambiare”.

YAYA TOURE’ – “La Serie A ha bisogno dei grandi giocatori per tornare al top, cosa che siamo stati per 25 anni. Questa è la nostra speranza e Yaya Touré è uno di questi. Se ci riuscissimo sarebbe una grande cosa per tutti”.

ICARDI – “L’ho visto sempre tranquillo, difficilmente si preoccupa per qualcosa. L’esultanza, invece, non sarebbe un problema se facesse due gol a partita (ride, ndr). Credo che esultare sia bellissimo”.

SHARE