SHARE

inzaghi

Dopo l’influenza che lo aveva fermato alla vigilia di Juventus-Milan, Filippo Inzaghi torna a parlare in conferenza stampa in vista della sfida contro l’Empoli in programma domani a San Siro. Tanti i temi toccati dal tecnico rossonero, tornato finalmente a disporre di un elemento fondamentale come Nigel De Jong.

EMPOLI- “E’ una squadra insidiosa, quella con i toscani è la partita più difficile delle prossime quattro. Ma noi siamo il Milan e domani non abbiamo altra scelta: dobbiamo essere incazzati ed ottenere i tre punti. Abbiamo preparato bene la partita. Complimenti a Sarri per come gioca la sua squadra. Noi cercheremo di sfruttare al massimo le nostre qualità. Abbiamo dimostrato voglia di fare bene sia contro il Parma sia contro la Juventus, partita che se fosse entrata la palla di Pazzini avrebbe preso un’altra piega. Domani mi aspetto un’altra buona partita. Spero che sarà un trampolino di lancio per il resto del campionato. Dobbiamo ritrovare continuità e bel gioco”.

CLASSIFICA- “Non credo sia giusto guardare la classifica in questo momento. Adesso dobbiamo ritrovare la continuità. A fine anno faremo i conti. Se giochiamo bene come prima di Natale possiamo vincere tutte le sedici partite che rimangono. Siamo migliorati molto con i nuovi innesti”.

SQUADRA- “Credo che i nostri migliori acquisti siano i recuperi di De Jong e Montolivo: il primo è già a disposizione, il secondo lo sarà martedì. Cerci si è allenato solo oggi, per questo cercherò di sfruttarlo solo per mezz’ora. Destro è un ragazzo serio che si allena intensamente, mi piace molto. Dobbiamo sfruttare le sue caratteristiche migliori senza caricarlo di responsabilità. Ma non dimentico neanche Pazzini che quando è entrato ha fatto sempre bene. Honda sta ritrovando la condizione e domani è l’unico che ho a disposizione nel suo ruolo”.

SISTEMA DI GIOCO- “Non è una questione di numeri. Noi abbiamo due sistemi di gioco: il 4-3-3 e il 4-4-2. Il primo ci ha portato ad essere terzi, il secondo ci sta dando delle ottime risposte. Starà a me decidere di partita in partita. E’ chiaro che con Menez e uno tra Destro e Pazzini il 4-4-2 è il mio modulo ideale”.

SCORZA DURA- “Io mi auguro che i giocatori facciano bene perchè vorrei che venisse ripagato il lavoro che fanno durante la settimana. Quando non arrivano i risultati, mi dispiace che vengano accusati. Io sono forte e combatto contro tutto e tutti. Per loro mi dispiace perchè si impegnano e mi auguro che, domani, abbiano gli applausi che si meritano. So che i tifosi del Milan si fidano di me, mi conoscono da tanti anni, sanno che do sempre il massimo. Mi aspetto che ci sostengano per tutta la partita, se faremo male accetteremo i fischi a fine partita”.

NIANG- “Il suo buon rendimento non mi sorprende. Lo abbiamo allenato bene. Lui è un giocatore del Milan. Credo molto in lui, era chiuso da El Shaarawy ma a giugno tornerà da noi perché sa la stima che ho in lui”.

LOTITO- “Oggi faccio l’allenatore, non mi interessano questi argomenti”.

SHARE