SHARE

conferenzasinisa_mihajlovic_08_60006_immagine_obig

La Sampdoria di Sinisa Mihajlovic non vince dal successo in casa del Parma, con il bottino misero di soli 2 punti nelle ultime 3 sfide. Per questo motivo sarà importante per i blucerchiati tornare alla vittoria contro il Chievo nel match delle ore 18 di domani pomeriggio, per poi concentrarsi al meglio in vista del derby col Genoa del prossimo turno. Il tecnico doriano ha presentato così la sfida ai clivensi nella consueta conferenza stampa pre-gara.

TESTA AL CHIEVO –Il Chievo anche con Corini aveva fatto bene. Purtroppo nel calcio quando non ci sono i risultati è piu facile cambiare allenatore che i giocatori. Maran sta facendo bene, sono una squadra compatta e tosta, faremo la nostra gara per prendere i tre punti, dovremo avere testa giusta, tecnicamente siamo superiori, ma dobbiamo avere corsa e sacrificio al pari loro , il campo sarà difficile. Non abbiamo subito nessun calo, le ultime due partite in casa con Palermo e Sassuolo dal punto di vista di intensità siamo stati superiori, non è stato un calo fisico. Un po’ di distrazioni per il mercato, ma anche domenica abbiamo dimostrato di essere un grande gruppo. Dovremo sfruttare le occasioni che capiteranno. Al Derby ci penso la domenica che si gioca, sappiamo come è andata le altre volte in cui ci ho pensato. Voglio fare un po’ di cambiamenti per dare spazio a tutti, per valutare i progressi fatti da tutti. Domani è l’occasione giusta. Non è un caso che 3 diffidati su 5 andranno in panchina; ho piena fiducia di questo gruppo, sono fiducioso”.

CORREA E MURIEL – Chiusura dedicata ai nuovi acquisti Muriel e Correa: “Correa è cresciuto molto, è un ragazzino arrivato dall’Argentina, non è facile. Anche per me quando ero arrivato a Roma non era stato facile, anche il problema che aveva avuto gli aveva fatto perdere chili. Puntiamo molto su di lui, domani spero che farà bene al pari degli altri. Luis non partirà dal primo minuto, però sicuramente giocherà. Vedremo quanto, dipenderà dai compagni. Anche Eto’o l’ho visto in crescita, gli manca ancora qualcosa per essere a livello dei compagni ma ha migliorato. Con Acquah abbiamo lavorato bene, è un ragazzo intelligente e ci darà una mano per aggressività e carattere, domani scenderà in campo dall’inizio per capire bene gli schemi e integrarlo al meglio”.

SHARE