SHARE
dichiarazioni raiola

 

mino-raiola-2013

Mino Raiola sbotta ai microfoni dell’Adnkronos dopo le dichiarazioni di Arrigo Sacchi:

“Sono disgustato, mi vergogno di essere italiano, sono incazzato, sono senza più parole per quello che ha detto Arrigo Sacchi. E’ lui razzista, è una vergogna, tra lui, Lotito e Tavecchio il calcio italiano è sprofondato. Mi vergogno di parlare con Pogba o Balotelli o Emanuelson o Babacar di queste cose. Capisco il disagio che provano, mi vergogno più di loro che sono più forti di me. I giocatori stranieri e di colore devono fare tre volte di più degli altri, per persone come Sacchi. Si dovrebbe vergognare. Noi italiani e l’Italia non abbiamo il diritto di essere razzisti, siamo il primo popolo emigrato, in Brasile, in Australia, in America. Dobbiamo aiutare gli immigrati. Chi di noi non ha un parente che non è stato emigrato, io sono emigrato, i miei genitori erano come dei neri 50 anni fa in Olanda ma sono stati trattati bene. Guardiamo alla Germania che ha aperto a tutti, all’Olanda da dove escono più giocatori di tutti dai vivai. La colpa non è dei ragazzini ma di allenatori come lui”.

Solo ieri sera il noto procuratore aveva twittato contro le dichiarazioni dell’ex allenatore del Milan e della Nazionale italiana. Sicuramente le parole di Sacchi sono da rivedere, ma Raiola ci è andato giù pesante.

 

SHARE