SHARE

sacchi-tuttosport

Arrigo Sacchi ha fatto molto discutere con le sue dichiarazioni rilasciate ieri a margine della premiazione del Trofeo Maestrelli a Montecatini. L’ex allenatore del Milan ha infatti denunciato con parole dure l’attuale situazione della maggior parte dei settori giovanili italiani nei quali ci sono troppi stranieri, esattamente come accade da tempo con le prime squadre.

ALL BLACK – Sacchi ha dichiarato a Il Corriere dello Sport: “Dopo aver osservato il Torneo di Viareggio mi sento di poter dire che ci sono troppi giocatori di colore già nelle sole squadre Primavera italiane. Non sono razzista e queste mie affermazioni non vanno interpretate in tale ottica, se serve precisarlo ricordo che ho allenato Gullit e Rijkaard, perciò la mia storia dimostra che sono in sintonia con chiunque. Semplicemente per me questa cosa testimonia il fatto che l’Italia non ha più dignità ed orgoglio perché non è accettabile vedere squadre italiane con 15 stranieri”.

MA CHE AVETE CAPITO? – Sui social network però il modo in cui Sacchi ha espresso la propria opinione è stato oggetto di aspri attacchi da parte degli utenti, tanto da costringere l’ex ct della Nazionale a precisare: “Sono stato travisato, non sono razzista e ho solo voluto affermare di aver visto una squadra che al Viareggio metteva in campo quattro ragazzi di colore. La mia storia dice tutto, ho sempre allenato squadre con campioni di colore e sia a Milano che a Madrid ne ho fatti acquistare molto. Ciò che volevo dire è che stiamo smarrendo orgoglio ed identità nazionale”.

SHARE