SHARE

fiorentina-napolimontella

Da White Hart Lane va di scena la vigilia della sfida per i sedicesimi di finale di Europa League Tottenham-Fiorentina, in conferenza stampa si presenta Vincenzo Montella, il tecnico partenopeo attesissimo dai giornalisti speranzosi di saperne di più sulle idee tattiche della squadra viola.

CONFERENZA STAMPA MONTELLA Queste le parole di Vincenzo Montella “Non so se è il mio momento più alto come allenatore, ho fatto anche un gara in CL. Sarà una partita difficile contro un avversario di livello. Può diventare una partita pericolosa se ci fosse troppa euforia, un pizzico di timore può essere utile. Dovremmo essere preparati a livello tecnico e mentale. Non sarà una festa, ma una battaglia. Non siamo abituati a giocare in questi stadi, dobbiamo rimanere concentrati” Ha continuato poi Montella sull’importanza della sfida “Vogliamo andare avanti e vivere nuove emozioni. Domani sarà una partita che ci darà esperienza. L’arbitro? Non c’è nessun timore e nessuna remora, rispetteremo quello che deciderà in campo“.

Sui propri giocatori “Avere in campo giocatori di esperienza abituati a certe partite aiuta. Il Tottenham abbina il possesso palla rallentando il ritmo ad attacchi diretti. Troveremo una squadra completa di fronte. Dobbiamo giocare al livello dell’avversario per fare bene, serve coraggio ed umiltà. Bisogna sapere a cosa si va incontro se non saremo al top della concentrazione” In Premier c’è Cuadrado adesso “Abbiamo perso un giocatore forte, c’è orgoglio nell’aver ceduto un giocatore così al Chelsea per tanti soldi. Siamo contenti del lavoro fatto su di lui, non era così forte quando è arrivato a Firenze. Abbiamo preso Salah che è un giocatore di livello internazionale. Era un’operazione da fare per la società, ne eravamo convinti prima e forse adesso lo siamo anche di più” Sulla mentalità “Dobbiamo essere noi stessi, giocare con entusiasmo ma senza euforia. Con l’entusiasmo c’è coraggio e divertimento. Con l’euforia c’è il rischio di sfociare nella presunzione e ci potremmo fare male”

Battuta finale sulla possibile esclusione di Tatarusanu “Vediamo oggi, ha qualche problemino. Neto è un professionista e si sta allenando con serietà. Rispetto ad un mese fa sarei molto più tranquillo nel mandarlo in campo”

Stefano Mastini

SHARE