SHARE

gabbiadini

Allo stadio Hüseyin Avni Aker di Trebisonda è di scena Trabzonspor-Napoli, gara valida per i sedicesimi di finale di Europa League. I padroni di casa, quinti in campionato, sono approdati alla fase finale dell’EL in virtù dei 10 punti conquistati nel girone L, chiuso alle spalle del Legia Varsavia, ed ospitano gli azzurri di Rafa Benitez intenzionati a riscattare la sconfitta in campionato di Palermo e a dar seguito alla buona fase a gironi, che aveva chiuso al primo posto con 13 punti.

UNA PASSEGGIATA – Partenza a razzo del Napoli che impone il gioco sin da subito trovando dopo 5 minuti anche il gol del vantaggio con una carambola in area di rigore che favorisce Henrique, bravo a superare il portiere avversario con un colpo di testa a scendere. Stenta ad arrivare la reazione del Trabzonspor, che al 19’ incassa anche il raddoppio degli azzurri: Gabbiadini parte da metà campo in percussione e serve ad Higuain un cioccolatino da depositare in rete a due passi dalla porta. Neanche il tempo di riorganizzarsi che dopo altri 5 giri d’orologio, la banda Benitez chiude i conti con lo stesso Gabbiadini abile a stoppare un lancio al bacio di Albiol e a superare Arikan con precisione. Turchi in grossa difficoltà senza un minimo di gioco e organizzazione. Al 32’ c’è anche spazio per deliziare la platea: Higuain parte palla al piede, salta due avversari come birilli e calcia con un destro a giro che si infrange sulla traversa. Nel finale non accade più nulla e si va al riposo sul 3-0 per gli azzurri che hanno dominato in lungo e in largo su un Trabzonspor troppo brutto per essere vero.

POKER DI DUVAN – Dagli spogliatoi esce un Trabzonspor leggermente più propositivo che dopo due minuti impegna subito Andujar con un gran destro da fuori di Zengin. Sull’altro fronte è Mertens a cercare il gol con un destro a giro alto. L’avvio è però solo un fuoco di paglia, infatti, il Napoli gestisce per gran parte della ripresa senza rischiare particolarmente. Al 74’, però i turchi provano a spezzare il digiuno: percussione sull’out mancino e pallone nel mezzo per Cardozo che spara alto da pochi metri. Nel finale arriva anche l’occasione per il poker con Mertens che prima fallisce malamente un calcio di rigore, e poi dilapida pochi minuti dopo un’altra grande chance. In pieno recupero arriva comunque il quarto gol degli ospiti con il tap in vincente di Duvan Zapata dopo il tiro ribattuto di Callejon. Termina quindi 4-0 per i partenopei, che hanno praticamente archiviato la qualificazione.

TABELLINO E PAGELLE

Trabzonspor-Napoli 0-4 (5’ Henrique, 19’ Higuain, 26’ Gabbiadini, 90+1’ Zapata)

AMMONITI: Atik, Demir (T)Inler (N)

TRABZONSPOR (4-3-3): Arıkan 5,5; Bosingwa 5, Aykut Demir 4,5, Medjani 5, İshak Doğan 5,5; Fatih Atik 5, Erkan Zengin 5, Özer Hurmacı 5,5; Soner Aydoğdu 5; Sefa Yılmaz 5, Cardozo 4,5
All.: Yanal

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar 6.; Henrique 6, Albiol 6,5, Koulibaly 6, Ghoulam 6; Gargano 6 (Lopez 6), Inler 6; Gabbiadini 7,5, De Guzman 6 (Callejon 6), Mertens 6,5; Higuain 7 (Zapata 6,5)
All.: Benitez

IL MIGLIORE – Gabbiadini 7,5: mette il piede in tutte le azione pericolose degli azzurri. Serve prima un assist al bacio per Higuain dopo una gran cavalcata e poi chiude i conti con il sigillo personale

IL PEGGIORE – Cardozo 4,5: nel nulla totale del Trabzonspor, a spiccare negativamente è lui. Dovrebbe essere il giocatore di maggiore esperienza, ma non si vede praticamente mai, troppo statico e lento, sembra una statua tra i due centrali del Napoli

 

I GOL:

0-1:
https://vine.co/v/OxxIW9xpxaw
0-2:
https://vine.co/v/OxxPM3jqYVn
0-3:
https://vine.co/v/OxxEMXIOvOv

0-4:
https://vine.co/v/OxQnQn6Ogra

SHARE