SHARE

Rudi Garcia è intervenuto a Sky nel post partita di Verona-Roma conclusasi sul punteggio di 1-1 e che allontana ancora di più i giallorossi dalla Juventus capolista vittoriosa ieri contro l’Atalanta.

“Nel primo tempo è stato incredibile chiudere sull’1-1. Florenzi era infortunato e in una mezza occasione hanno segnato, manca sempre 1 per fare 31. Con un po’ di fortuna potevamo chiudere la partita nel primo tempo, ricordo la traversa di Ljajic. Abbiamo giocato tre giorni fa ed è normale nell’ultimo quarto d’ora essere più stanchi. Doumbia? Ho chiesto di rimanere in avanti e sfruttare i palloni in area, è entrato per avere un uomo in più in attacco perché Totti era un po’ stanco ma non ha avuto grandi occasioni disponibili. E’ entrato ed ha bisogno di un gol per avere fiducia, nel secondo tempo non abbiamo avuto pazienza. De Rossi in difesa? Non ho visto il bisogno di inserire un giocatore tecnico come difensore centrale. Il gol di oggi? Unica occasione che ha avuto il Verona. Nei primi 45 minuti abbiamo dimostrato che con movimento e velocità possiamo dare fastidio a chiunque mentre nella ripresa abbiamo fatto troppi errori e il Verona poteva fare più ripartenze. Nell’ultimo quarto d’ora ci è mancata la lucidità e siamo stati troppo veloci nell’ultimo passaggio. Non abbiamo sfruttato le occasioni avute subito dopo il vantaggio con Ljajic e Nainggolan e per trovare gli spazi c’è bisogno di restare in vantaggio perché dopo il pareggio il Verona si è arrocato in difesa e non ci ha permesso di trovare gli spazi. Poi oggi c’era anche la stanchezza della partita di Europa League e non abbiamo avuto la giusta forza. Oggi abbiamo avuto un calo fisico ma solo per l’impegno infrasettimanale e il Verona era più fresco di noi, logicamente. Problema di testa o fisico? Non abbiamo mai perso quando eravamo sotto con il risultato, quindi non può essere un problema fisico. Florenzi? Aveva una distorsione alla caviglia ed era nervoso per l’infortunio. Totti e De Rossi? Chiedete a loro, quando si esce non si è mai contenti. Non cercate problemi dove non ci sono”.

SHARE