SHARE

Tacchetti in fuga

L’emigrazione è il fenomeno sociale che porta un singolo individuo o un gruppo di persone a spostarsi dal proprio luogo originario verso un altro luogo. Tale fenomeno può essere legato a cause ambientali, economiche e sociali, spesso tra loro intrecciate (Wikipedia). Il popolo italiano ha sempre interpretato al meglio la definizione di emigrazione, infatti al giorno d’oggi è praticamente scontato trovare dei nostri connazionali in territorio straniero. Negli ultimi anni però il fenomeno si è allargato rapidamente toccando anche il mondo del calcio. Solo una decina d’anni fa sembrava difficile per i giocatori italiani lasciare la Serie A e il campionato più importante al mondo, ma il tempo ha mutato tante cose. Il nostro campionato è andato via via perdendo di qualità e ricchezza economica favorendo l’emigrazione dei talenti nostrani verso nuovi lidi, più importanti o con possibilità di maggiori guadagni rispetto a Serie A, Serie B e Lega Pro. Il fenomeno negli ultimi anni si è esteso a macchia d’olio, creando delle vere e proprie colonie di calciatori italiani all’estero.

Ecco l’andamento settimanale dei connazionali più famosi:

PELLE’ – Continua il momento negativo di Graziano Pellè, che crolla tra le mura amiche con il suo Southampton sotto i colpi del Liverpool. Viene annullato completamente da Skrtel, cerca con poca convinzione di andare al tiro e nel complesso non ha praticamente occasioni per far male. L’astinenza da gol dura da ormai due mesi e comincia a farsi sentire. I ‘Saints’ scivolano così al quinto posto in seguito alla vittoria dell’Arsenal.

IMMOBILE Altro giro, altro attaccante in piena crisi. Terza vittoria consecutiva per ik Borussia Dortmund, a cui fa seguito la terza panchina di fila di Ciro Immobile, che sembra essere uscito definitivamente dai piani di Klopp, il quale gli preferisce ormai stabilmente Pierre Aubameyang.

BALOTELLI – Super Mario per una notte: Balotelli torna al gol, dando seguito a quello messo a segno la scorsa settimana, strappando di forza un calcio di rigore ai compagni Sturridge ed Henderson, nel match vinto per 1-0 in Europa League contro il Besiktas e risolto proprio dal suo penalty a 5 minuti dalla fine. Dura però solo 3 giorni il suo momento di gloria, infatti al ritorno in Premier League, il suo Liverpool vince, ma Mario rimane in panchina per tutti i 90 minuti. ‘Reds’ ora sesti a -1 dal Southampton.

VERRATTI E SIRIGU – Non vanno oltre il pareggio in Champions League nell’andata degli ottavi di finale contro il Chelsea, ma offrono comunque buone prestazioni a livello personale: prova sufficiente per Sirigu che non può nulla sul gol di Ivanovic ed è nel complesso poco impegnato, mentre Verratti sfodera una prestazione da 7 in pagella, costellata di giocate di alta scuola, ma anche di numerosi ripiegamenti difensivi, che uniti alla sua straripante personalità ne fanno forse il miglior prospetto del calcio italiano. In campionato, il PSG torna alla vittoria con un secco 3-1 casalingo contro il Tolosa, al quale non ha preso parte il regista abruzzese, fuori per squalifica. Prestazione buona invece per il portiere ex Palermo abile a disimpegnarsi in particolare nel finale di primo tempo. Parigini sempre in lotta per il titolo a -2 dal solito Lione.

RAGGI – KO per infortunio, non partecipa al successo del Monaco in casa del Nizza.

BORINI Continua a rimanere ai margini della rosa, sia in EL che in Premier.

CRISTANTE – Solo panchina nel 3-1 a domicilio del Benfica in casa del Moreirense.

DONATI – Dal suo ritorno dopo l’infortunio, non riesce più a trovare spazio nello scacchiere del Bayer Leverkusen. Rimane a guardare i compagni anche nel pirotecnico pareggio per 2-2 in casa dell’Augsburg.

CALDIROLA – Colleziona panchine, neanche fossero figurine Panini, rimane ancora una volta ai margini del Werder Brema.

PIOVACCARI – Squalificato salta la sconfitta esterna dell’Eibar in casa del Villareal.

CRISCITO – Campionato fermo, ma gioca tutto il match contro il PSV in Europa League.

ALTRI – Quinto gol stagionale per Nicolao Dumitru con la maglia del Veria, nella sconfitta casalinga contro il PAOK. Nella terza serie inglese, il Leyton Orient di Fabio Liverani, dopo 4 sconfitte casalinghe consecutive trova una vittoria propiziata dal primo goal di Andrea Dossena. In Scottish Premiership, il Ross Country batte il Patrick per 3-1, grazie anche al secondo goal di Raffaele De Vita.