SHARE

lucarelli

Nel corso di questi giorni il capitano del Parma Alessandro Lucarelli è ormai la voce della squadra. Nell’ennesima intervista, concessa stavolta a Tele Radio Stereo, Lucarelli si sfoga riguardo la mancanza reale di solidarietà da parte dei suoi colleghi: secondo il livornese, infatti, gli altri calciatori non hanno fatto nulla di concreto per la situazione Parma e per i loro pari grado ducali.

Ecco le parole di Lucarelli: “L’unico collega che mi ha chiamato è stato Morgan De Sanctis. Gli altri a distanza, quando si chiede loro un parere sulla nostra situazione, esprimono solidarietà, ma nei fatti nessuno si è fatto vivo a parte il portiere della Roma. Bisognerebbe capire che ciò che è successo a noi, in un calcio malato come quello italiano, può accadere a chiunque. Domani è la giornata decisiva, visto che è in calendario l’incontro fra il sindaco di Parma Pizzarotti e Manenti.  Domani si capirà se si fa sul serio o se diventa doveroso portare i libri in tribunale. Ci auguriamo di poter finire questo campionato, però vigileremo su come le autorità calcistiche si stanno muovendo. Noi ci stiamo comportando in modo serio e vorremmo che il mondo del calcio facesse altrettanto“.

SHARE