SHARE

juvedortmund

Una macchia, una sola in una serata pressoché perfetta. Ha fatto quello che doveva fare la Juventus nell’andata degli ottavi di finale di Champions. Una partita ordinata in fase difensiva e propositiva in avanti dove solo imprecisioni minime hanno evitato che la qualificazione ai quarti potesse essere più vicina. Peccato per il gol concesso al Borussia Dortmund, frutto della sfortuna visto che è nato da uno scivolone di Chiellini.

Peccato perché tiene i tedeschi in vita e gli consentirebbe di passare il turno vincendo al ritorno. Fermarsi al risultato però sarebbe riduttivo. La notte dello Stadium ha detto tanto altro. Innanzitutto che la squadra di Allegri è più forte di quella di Klopp. Nonostante qualche affanno dopo il pareggio tedesco, infatti, i bianconeri se la sono giocati alla grande, mettendo a nudo le difficoltà difensive giallonere, non concedendo i temuti contropiedi ai veloci avanti avversari e cercando fino alla fine il gol del 3-1. Grida vendetta soprattutto la chance fallita da Pereyra nel finale. Questione di centimetri che costringerà la Juventus a fare una grande partita in Germania. Chiaro nell’inferno del Westfalen Stadion sarà tutta un’altra partita ma se il Dortmund e la Juventus saranno quelle di stasera, è d’obbligo essere ottimisti.

SHARE