SHARE

lucarelli

Dopo molti dubbi nelle scorse ore, arriva finalmente la conferma da parte dei calciatori del Parma riguardo la sfida da affrontare contro il Genoa.

Ebbene, i giocatori ducali hanno fatto sapere, tramite il loro capitano Lucarelli, che non giocheranno la gara in programma a Marassi. Secondo quanto trapelato da Sky Sport, Lucarelli avrebbe affermato: Abbiamo deciso di non giocare a Genova, è una scelta presa d’accordo con l’Assocalciatori. Quindi, quasi al 100% Genoa-Parma non avrà luogo. Unica maniera per far eventualmente cambiare idea ai calciatori ducali sarà l’incontro tra Pizzarotti e Manenti previsto per le 16:30, ma la situazione risulterebbe ormai irreversibile, con i calciatori intenzionati a non scendere in campo.

A fare maggiore chiarezza ci ha pensato il Presidente dell’AIC Damiano Tommasi: La richiesta di rinvio della partita è stata fatta alla Federazione. Non ci sono le condizioni per affrontare una gara di Serie A. Noi speriamo che in questa settimana ci sia qualche speranza per il Parma. Aspettiamo assemblea di Lega del 6 marzo. La Federazione farà sue valutazioni. Noi abbiamo deciso in accordo anche con i giocatori del Genoa. I giocatori del Parma hanno deciso di aspettare un’altra settimana per capire se anche Manenti può andare avanti. La situazione è straordinaria e richiede misure straordinarie. Oggi Parma non può scendere in scampo”.

A nulla, dunque, è servito il gesto di solidarietà dei colleghi che, tramite AIC, avevano annunciato di scendere in campo con 15′ di ritardo per protestare contro l’assurda vicenda del club. Intanto, la situazione si fa sempre più dura e sono stati pignorati persino gli spogliatoi del Tardini. In attesa dell’incontro tra Sindaco e neo Presidente, bisognerà ovviamente capire quando sarà possibile giocare il match, tenendo conto anche del fatto che il Parma ha un altro incontro da recuperare contro l’Udinese. In vista di oggi, tra l’altro, proprio il Sindaco Pizzarotti ha dichiarato in maniera sibillina: Qualora Manenti non si presentasse all’incontro di oggi, non lo riterrei più un interlocutore attendibile. Per il Parma, dunque, si profila l’ennesima domenica senza calcio. E il conto alla rovescia per la sopravvivenza si fa ogni giorno sempre più pressante e potenzialmente fatale

SHARE