SHARE
Giancarlo Gonzalez, Palermo - FOTO: Twitter

gonzalez

Chi si attendeva gol e spettacolo, sarà rimasto deluso. Nonostante un bel primo tempo, tra Palermo e Empoli alla fine è 0-0; Dybala e Maccarone ci provano, ma la vetrina se la prendono le difese e i due portieri.

EQUILIBRIO E OCCASIONI Primo tempo bello e divertente tra due squadre che dimostrano di meritare i complimenti per il campionato disputato fino ad ora. Il Palermo inizia meglio e spinge forte, costruendo ben tre palle gol nei primi 10’: al 2’ Dybala sfiora il palo con un sinistro a giro. Pochi minuti più tardi è ancora l’argentino, servito da Rigoni, a impegnare severamente Sepe che respinge un tentativo da pochi passi; infine è Vazquez, dopo un altro duetto con il connazionale, a centrare in pieno la traversa con uno splendido tiro da fuori area. Passata la paura, l’Empoli sale in cattedra e prova a far male ai padroni di casa in contropiede; è Maccarone, con un tiro cross insidioso, a creare i primi grattacapi alla retroguardia di Iachini. La spinta del Palermo si attenua anche per merito dei toscani, in cui è Saponara a fare la voce grossa; l’ex giocatore del Milan, dopo una grande progressione, serve Maccarone a centro area che a botta sicura trova pronto Sorrentino, bravissimo anche sul successivo tap-in di Tavano. Un doppio miracolo che tiene la sfida in parità all’intervallo, nonostante le giocate e le emozioni che hanno divertito il pubblico accorso al Barbera.

SECONDO TEMPO Non fortunato il Palermo che, a cavallo tra la fine della prima frazione e l’inizio della seconda, perde altre due pedine importanti come Morganella e Gonzalez, entrambi infortunati. Il ritmo dei rosanero cala vistosamente, allungando la squadra e esponendola al classico gioco dell’Empoli, tutto possesso palla e verticalizzazioni. Pur senza impensierire Sorrentino, gli ospiti si fanno preferire nel primo quarto d’ora di una ripresa meno bella, ma sempre intensa e equilibrata. Iachini prova a giocarsi la carta Belotti, rialzando il baricentro della sua squadra che torna a costringere l’Empoli nella propria metà campo; Sarri invece, si copre, con Zielinski per un deludente Tavano. La gara sembra spegnersi, con le squadre stanche che ci provano comunque fino al termine; è sempre Dybala il pericolo numero, che si invola dopo uno svarione di Rugani ma viene anticipato dall’ottimo Sepe in uscita. Dall’altra parte è il nuovo entrato Mchedlidze ad avere la palla del match su suggerimento di Verdi, ma il georgiano spreca malamente. Si attendevano gol e spettacolo, ma al Barbera vincono le difese: giusto pareggio tra due ottime squadre.

TABELLINO

PALERMO-EMPOLI 0-0

PALERMO (3-5-2): Sorrentino 6,5, Vitiello 6,5, Gonzalez 6 ( 60′ Terzi 6), Andelkovic 6, Morganella 6 (35′ Rispoli 6, 68′ Belotti 6), Rigoni 6,5, Jajalo 6, Chochev 6, Daprelà 6, Vazquez 6, Dybala 6,5. All. Iachini

EMPOLI (4-3-1-2): Sepe 6,5, Hysai 6, Rugani 5,5, Tonelli 6,5, Mario Rui 6,5, Croce 6, Valdifiori 6, Vecino 6, Saponara 6,5 ( 65′ Verdi 6), Tavano 5,5 (74′ Zielinski 5,5), Maccarone 6 (82′ Mchedlidze s.v.). All. Sarri

AMMONITI Hysai (E), Vecino (E), Rispoli (P), Dybala (P), Daprelà (P), Zielinski (E)

IL MIGLIORE SORRENTINO 6,5 Nella domenica in cui Vazquez e Dybala non incidono come al solito, è lui a salvare il Palermo nel doppio intervento decisivo su Maccarone e Tavano. Gli anni passano, ma Sorrentino è sempre una garanzia.

SHARE