SHARE

Tevez

La partita scudetto tra Roma e Juventus si conclude sull’1-1: dopo un primo tempo piuttosto noioso la partita si accende nella ripresa

REGNA LA PAURA All’Olimpico va in scena il match scudetto: Roma-Juventus. I giallorossi hanno assolutamente bisogno di una vittoria per riaprire la lotta scudetto, ai bianconeri invece basta un pareggio per mantenere un buon margine di vantaggio sulla seconda in classifica. Nel primo tempo del big match però regna la noia: entrambe le squadre si posizionano estremamente basse e lo spettacolo ne risente. La Juventus lascia il pallino del gioco alla Roma che però si rifugia in uno sterile possesso palla a centrocampo non rendendosi mai pericolosa negli ultimi trenta metri. I bianconeri riescono così a ripartire con velocità e insistenza: soprattutto sulla destra la catena Pereyra-Lichtsteiner riesce ad arrivare spesso sul fondo creando un paio di buone occasioni. Per il resto il primo tempo non regala spettacolo: i bianconeri sanno di potersi accontentare di un pareggio, i giallorossi invece hanno troppa paura di prendere gol per poter attaccare efficacemente. Consapevoli che una sconfitta spegnerebbe anche le ultime speranze di gloria.

PRIMA JUVE, POI ROMA La ripresa inizia sulla falsa riga del primo tempo: i bianconeri si fanno sempre più pericolosi sulle ripartenze offerte dai giallorossi. Al 64° l’episodio che cambia la partita: l’ennesimo contropiede juventino porta all’espulsione per doppia ammonizione di Torosidis che stende Vidal lanciato verso la porta. Tevez si prende la responsabilità di battere la punizione e non sbaglia: traiettoria a giro a sorvolare la barriera che si insacca nell’angolo alto alla destra di De Sanctis. Chi pensa che la superiorità numerica ed il vantaggio potesse chiudere definitivamente la partita si sbaglia: i giallorossi spalle al muro si scrollano di dosso la paura ed iniziano ad attaccare con convinzione. Dopo aver mancato il pareggio in un paio di occasioni arriva finalmente il gol che fissa il risultato sull’1-1. Le ultime fasi della partita escono dalla logica e si rivelano molto confuse. Continui ribaltamenti di campo, squadre poco lucide e lunghe. Finisce così 1-1 il big match: risultato più positivo per i bianconeri che per i giallorossi che probabilmente si allontanano definitivamente dai sogni scudetto.

TABELLINO ROMA-JUVENTUS

Roma (4-3-3) De Sanctis 6; Holebas 5,5, Yanga-Mbiwa 5, Manolas 6,5, Torosidis 5,5; Keita 7, De Rossi 5 (dal 72° Nainggolan 6), Pjanic 4,5; Gervinho 5, Totti 5 (dal 70° Iturbe 6), Ljajic 5 (dal 65° Florenzi 6,5). All. Garcia.

Juventus (3-5-2) Buffon 6,5; Chiellini 6, Bonucci 6,5, Caceres 5,5; Evra 5,5, Vidal 6, Marchisio 6,5, Pereyra 6,5, Lichtsteiner 6 (dal 91° Padoin); Tevez 6,5, Morata 5,5 (dal 83° Coman s.v.). All. Allegri.

Il migliore, Keita 7: Nella prima frazione è sempre il più propositivo ed a inizio ripresa è lui a sorreggere da solo tutto il centrocampo giallorosso. Il gol del pareggio è la ciliegina sulla torta di una prestazione maiuscola.

Marcatori: 64° Tevez (J); 78° Keita

Ammoniti: Torosidis (R); De Rossi (R); Evra (J); Morata (J); Pjanic (R): Yanga-Mbiwa (R); Marchisio (J); Chiellini (J); Nainggolan (R); Vidal (J)

Espulsi: Torosidis (R)

Arbitro: Orsato

Video dei gol Roma-Juventus:

La punizione di Tevez

https://vine.co/v/O0MWge3Vulx

Keita di testa

https://vine.co/v/O0MqA9JMlDT

SHARE