SHARE

Tacchetti in fuga

L’emigrazione è il fenomeno sociale che porta un singolo individuo o un gruppo di persone a spostarsi dal proprio luogo originario verso un altro luogo. Tale fenomeno può essere legato a cause ambientali, economiche e sociali, spesso tra loro intrecciate (Wikipedia). Il popolo italiano ha sempre interpretato al meglio la definizione di emigrazione, infatti al giorno d’oggi è praticamente scontato trovare dei nostri connazionali in territorio straniero. Negli ultimi anni però il fenomeno si è allargato rapidamente toccando anche il mondo del calcio. Solo una decina d’anni fa sembrava difficile per i giocatori italiani lasciare la Serie A e il campionato più importante al mondo, ma il tempo ha mutato tante cose. Il nostro campionato è andato via via perdendo di qualità e ricchezza economica favorendo l’emigrazione dei talenti nostrani verso nuovi lidi, più importanti o con possibilità di maggiori guadagni rispetto a Serie A, Serie B e Lega Pro. Il fenomeno negli ultimi anni si è esteso a macchia d’olio, creando delle vere e proprie colonie di calciatori italiani all’estero.

Ecco l’andamento settimanale dei connazionali più famosi:

PELLE’ – Procedono di pari passo la crisi di risultati del Southampton che perde in trasferta 1-0 contro il West Bromwich, e quella di gioco di Graziano Pellè per l’ennesima volta a secco in questo 2015 sin qui avaro di soddisfazioni. Vive la solita partita fatta di sportellate con i difensori del West Brom non riuscendo mai a rendersi pericoloso in area avversaria. I ‘Saints’ scivolano così in sesta posizione con il Tottenham alle spalle a soli 2 punti.

IMMOBILE Klopp a sorpresa lo schiera titolare nel prestigioso match di Champions in casa della Juventus dopo 3 panchine consecutive in Bundesliga. L’ex Torino prova a ripagare la fiducia con una prova volenterosa, ma non riesce ad incidere sul risultato uscendo a metà ripresa. Nuova bocciatura in campionato dove passa come sempre 90 minuti in panchina nel 3-0 del Borussia Dortmund sullo Schalke 04, nel derby della Ruhr. BVB ora decimo in zona tranquilla.

BALOTELLI – Anche Balotelli gioca dal primo minuto la gara di coppa, nel suo caso Europa League, ma il Liverpool perde partita e qualificazione contro il Besiktas dopo i calci di rigore. Per Mario 82 minuti non esaltanti, conditi dal solito cartellino giallo. In campionato i ‘Reds’ impartiscono una lezione al Manchester City, vincendo 2-1 ad Anfield, ma l’ex attaccante di Milan ed Inter rimane in panchina tutto il match.

VERRATTI E SIRIGU – Match importante per Verratti e Sirigu, impegnati contro il Monaco nella gara valida per il sorpasso ai danni del Lione. Le cose non vanno però come previsto e il PSG non va oltre lo 0-0. Il portiere azzurro risulta essere in pratica uno spettatore non pagante, mentre il regista ex Pescara domina in mediana alternando sprazzi di classe come l’assist sprecato da Pastore al 60’, e chiusure da mastino di razza, risultando tra i migliori nel club parigino. PSG che in virtù di questo risultato si porta a -1 dall’OL.

RAGGI – KO per infortunio, non partecipa al successo del Monaco in Champions contro l’Arsenal e al pareggio in Ligue 1 contro il PSG.

BORINI Solo panchine sia in Europa League che in Premier.

CRISTANTE – Si deve accontentare del ‘tempo spazzatura’, sul risultato di 5-0 per il Benfica in casa contro l’Estoril. Il club di Lisbona rimane primo a +4 sul Porto.

DONATI – Doppio successo Champions/campionato per il Bayer Leverkusen e doppia panchina per Giulio Donati, ancora fuori dai piani di Schmidt dal suo rientro in squadra dopo l’infortunio.

CALDIROLA – Ancora una volta spettatore nella mirabolante sconfitta del Werder Brema tra le mura amiche contro il Wolfsburg per 5-3.

PIOVACCARI – Torna titolare al centro dell’attacco dell’Eibar, ma non incanta nei 66 minuti in cui è in campo, nei quali non riesce mai a rendersi pericoloso dalle parti di Iraizoz. Ora il piccolo club spagnolo comincia atremare nonostante un vantaggio ancora di 5 punti dalla zona rossa che si sta pian piano assottigliando.

CRISCITO – Campionato fermo in Russia. Solo panchina nel 3-0 rifilato in Europa League al PSV.

ALTRI – Ancora in gol Iacopo La Rocca, che non riesce comunque ad evitare la sconfitta dei suoi Western Sydney Wanderers nel derby contro il Sydney FC. In Copa Libertados esordio col botto per Pablo Osvaldo, che segna la rete decisiva nel 2-1 del Boca Juniors contro il Montevideo. Primo goal anche di Diego Fabbrini con la maglia del Millwall che non evita la sconfitta, interna, contro lo Sheffield Wednesday.

SHARE