SHARE

colantuono

L’Atalanta ha comunicato ufficialmente l’esonero dell’allenatore Stefano Colantuono. La società presieduta da Antonio Percassi ha diffuso una nota in mattinata con la quale ringrazia l’allenatore romano per il lavoro svolto in cinque anni passati sulla panchina bergamasca, comunicando anche il nome del successore: si tratta di Edy Reja, che nelle scorse settimane ha rifiutato una proposta dai croati dell’Hajduk Spalato, già allenati nel 2009-2010 dal tecnico goriziano.

Questa la nota che l’Atalanta ha pubblicato sul proprio sito web ufficiale: “Atalanta B.C. comunica di aver esonerato l’allenatore Stefano Colantuono che sarà sostituito dal signor Edy Reja. La Società esprime la propria profonda stima e gratitudine nei confronti del signor Colantuono in virtù della qualificata opera svolta negli ultimi cinque anni”.

Colantuono lascia l’Atalanta dopo cinque stagioni. Il tecnico ha superato Mondonico nella classifica all time delle presenze sulla panchina di A nel club orobico e nella scorsa stagione con 6 vittorie di fila e 46 punti conquistati, aveva salvato l’Atalanta con 7 gare d’anticipo entrando nella storia del club (ci era riuscito Gigi Delneri nel 2008-2009 con 5 giornate d’anticipo). Viene esonerato dal club dopo quattro sconfitte consecutive, fatale l’ultima subita in rimonta in casa contro la Sampdoria. Quindici giorni fa proprio Colantuono aveva ammesso di vivere un periodo difficile “E’ tutto massacrante” aveva dichiarato dopo il suo coinvolgimento nell’inchiesta della Procura di Cremona sul calcioscommesse. “Moralmente è devastante – spiegò -. E’ stato come prendere due pugni in faccia. Ho fatto tanta fatica per costruirmi un’immagine e una carriera: stiamo studiando le carte, ma sono talmente tante che non sono ancora riuscito a leggerle tutte”.

Dopo aver sottolineato di essere solo indagato e non condannato, Colantuono si era sfogato davanti ai giornalisti, ora a distanza di giorni appare chiaro come quella notizia lo abbia allontanato dall’impegno calcistico e abbia minato la sua tranquillità.

SHARE