SHARE

rp_bellinazzo1.jpg

 

Marco Bellinazzo, giornalista de “Il Sole 24 Ore”, ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni all’interno del programma “Tutti convocati” su Radio24 in merito alla sanzione dell’Inter:

“Stare all’interno o all’esterno delle regole sul caso Parma, ormai conta poco. Se la Guardia di Finanza oggi in Lega avesse scoperchiato i bilanci di molti club di serie A sarebbero stati dolori. L’Inter prenderà una sanzione tra i 5-10 milioni dalla UEFA e una limitazione sul mercato. Il debito della società nerazzurra è maggiore rispetto a quello della Roma che riceverà comunque una sanzione. La Champions è fondamentale. Sotto la lente degli inquirenti c’è la cessione del brand del Parma, nel 2013, l’operazione di cessione del brand l’hanno fatta anche Inter, Milan e altri club. Anche il Genoa ha ceduto il suo brand. Concordo con De Laurentiis che chiede leggi all’inglese. Però prima bisogna fare stadio nuovo e poi cacci i delinquenti. A proposito di certezza delle regole, io sto ancora aspettando chi ha ammazzato Ciro Esposito”.

Il calcio italiano, seppur stia attraversando un buon momento dal punto di vista calcistico con tante squadre in Europa, non se la passa, invece, bene per quanto riguarda i conti: la situazione Parma è l’emblema di ciò che succede in Italia. Anche Inter e Roma riceveranno una sanzione dalla UEFA per non aver rispettato il Fair play finanziario, mentre il Napoli è una delle poche società ad avere i conti in regola. Merito di De Laurentiis che, proprio ieri durante una conferenza al Circolo Canottieri di Napoli, ha chiesto allo Stato leggi all’inglese. Sicuro ci saranno? 

SHARE