SHARE

cavani

Dopo l’1-1 al Parco dei Principi la qualificazione ai quarti di finale di Champions League passa da Stamford Bridge: il pareggio esterno (1-1) mette in leggero vantaggio il Chelsea, ma la qualificazione è tutta la giocare. Solito 4-2-3-1 per Josè Mourinho, che schiera il classico trio Hazard-Fabregas-Willian alle spalle del bomber Diego Costa. Blanc invece punta ad una formazione più coperta con quattro centrocampisti di manovra: con David Luiz perno passo dovrebbero giocare Matuidi, Motta e Verratti alle spalle del duo Ibrahimovic-Cavani.

Chelsea-PSG, le probabili formazioni

Chelsea (4-2-3-1) Courtois; Ivanović, Terry, Cahill, Azpilicueta; Ramires, Matić, Willian, Fàbregas, Hazard; Diego Costa. All. Mourinho.

PSG (4-3-1-2) Sirigu; Maxwell, Thiago Silva, Marquinhos, Van der Wiel; David Luiz, Thiago Motta, Verratti, Matuidi; Cavani, Ibrahimović. All. Blanc.

Chelsea-PSG, le parole degli allenatori

MOURINHO –Proveremo a vincere. Quando perdi 3-1 dopo l’andata sei al limite del rischio. Se prendi un gol hai problemi seri. Sai che devi segnarne almeno due. Ma domani sarà diverso. Il risultato è in perfetto equilibrio, in ogni caso proveremo a vincere. La nostra esperienza ci aiuterà a dormire bene questa notte. Solo questo. Ti senti a tuo agio a giocare solo se è una cosa che fai spesso. E’ solo una partita in più, solo che è una sfida a eliminazione diretta ed è il ritorno, sei tranquillo. Ma durante la partita i calciatori giocano. Parliamo di squadre con ottimi giocatori, alcuni a loro agio nel giocare a questi livelli. Penso che la cosa riguardi soprattutto loro“.

BLANC –Una vittoria cambierebbe la percezione del Paris in Francia, ma anche in Europa e forse anche tra di voi, tra la stampa. Ma dobbiamo farcela. E’ facile parlarne, è più dura andare lì e vincere. Siamo a metà strada di un doppio confronto. Il Chelsea ha un leggero vantaggio avendo segnato in trasferta, quindi il nostro obiettivo è fare quello che il Chelsea ha fatto a Parigi e passare il turno. Ci prepareremo bene. Sappiamo cosa dobbiamo fare. Il Chelsea deve trovare un equilibrio tra l’attacco e la difesa. Questo è il loro problema. Ma noi sappiamo di dover segnare almeno un gol per qualificarci. Ci prepariamo normalmente. Forse si affrontano le cose nei minimi dettagli, più che nelle altre partite, ma questi sono avversari che conosciamo meglio rispetto allo scorso anno. Niente cambierà nel modo in cui ci allenaimo. Ma dietro le quinte si dicono molte cose. Il Paris ha più esperienza rispetto all’anno scorso ma non ne ha comunque come il Chelsea. Gli ci è voluto molto per arrivare dove sono ora, ha investito parecchio. Ci vuole tempo per diventare una delle prime cinque o sei squadre in Europa. Questa è la strada che ha intrapreso il Paris“.

Chelsea-PSG, lo stato di forma

Chelsea: VVPPVV
PSG: PPVPVV

SHARE