SHARE

immobile

Dennis Erdmann è il difensore della Dinamo Dresda balzato agli onori (?) della cronaca per le dichiarazioni antecedenti al fallo su Reus che ha rischiato di mettere a repentaglio la partecipazione del talento tedesco alla gara di ritorno degli Ottavi di Champions League contro la Juventus (Ho giocato nei dilettanti, lì dopo un fallo così non ci si ferma nemmeno. Evidentemente nel calcio business le cose sono diverse”).

La gara fu vinta dal Borussia Dortmund per 0-2. Erdmann racconta, in un’intervista per Sport Bild, di quanto invece accaduto nel terreno di gioco con l’attaccante nostrano Ciro Immobile, autore poi della doppietta decisiva che regalerà ai gialloneri la vittoria e il passaggio ai Quarti di Finale della Coppa di Germania. Svariati i retroscena svelati da Erdmann: “Durante la partita ho tolto diversi palloni a Ciro. Quando fai bene contro un attaccante quotato è normale fargli dei commenti cattivi per fargli perdere delle certezze. Per avere un vantaggio mentale su di lui. Ma lui ha incassato benissimo ogni offesa e dopo ha pure segnato due gol. Altri attaccanti si sarebbero esasperati, si sarebbero innervositi, ho grande rispetto per lui. Io lo insultavo, gli dicevo che era scarso, e lui mi ha sbattuto in faccia il fatto che guadagna vari milioni di euro. Non sapevo come rispondergli. Se mi ha detto la cifra esatta che percepisce? Sì, ma non mi sembra carino riportarlo”.

Un “riconoscimento” particolare per Immobile, che in un momento di tensione personale e di squadra ha saputo tener testa ad un avversario decisamente sopra le righe in una gara molto importante per la sua compagine. La stagione dell’ex Torino è stata fin qui abbastanza complicata ma, con uno spirito del genere, non è escluso che possa migliorare nella parte terminale delle competizioni. Per guadagnarsi una riconferma ed affermarsi, finalmente, come talento anche nell’Europa che conta davvero.

SHARE