SHARE

joao pedro

Ritorno thriller per Zdenek Zeman sulla panchina del Cagliari. I sardi vengono raggiunti sull’1-1 al 93’ dall’Empoli al Sant’Elia grazie a un gol di Vecino che ha pareggiato proprio allo scadere il vantaggio rossoblù siglato Joao Pedro. Prestazione offensiva pazzesca quella dei rossoblu che dominano nel primo tempo colpendo anche due pali ma devono arrendersi alla beffa finale dell’ex Vecino.

ARREMBAGGIO SARDO– La partenza del Cagliari è devastante. Al 20’ la banda Zeman è già in vantaggio. Farias accelera e taglia a fette la retroguardia toscana, tocca per Joao Pedro che, dal limite, con un destro chirurgico trova l’angolo lontano, Sepe può solo guardare la palla gonfiare il sacco per l’1-0 sardo. Quattro minuti dopo i padroni di casa sfiorano anche il secondo gol con un bel sinistro di Krisetig su cui Sepe è formidabile nel deviare in angolo. E’ un assedio sardo, non passa nemmeno un minuto che Sepe deve respingere coi pugni una botta di M’Poku, l’azione non finisce e Joao Pedro calcia di un soffio alto. Al 26’, ancora un’occasionissima per i rossoblù con Joao Pedro che colpisce il palo su punizione. Al 32’ si vede anche l’Empoli con Saponara che pesca Maccarone in area ma il tiro del centravanti azzurro è alto. E’ suolo un fuoco di paglia perché sul rovesciamento di fronte il Cagliari colpisce un altro legno: Sau fa ballare la Samba alla difesa di Sarri, tocca dietro per M’Poku che centra il palo. Al 37’ Sepe deve intervenire ancora respingendo alla buona e meglio un bolide di Farias, sulla respinta si avventa il solito Joao Pedro ma Hysaj salva in angolo. Si va al riposo con un super Cagliari in vantaggio 1-0.

VECINO RIPRENDE ZEMAN– Nella ripresa il ritmo comprensibilmente cala. L’Empoli prova ad alzare il baricentro e va vicino al pareggio al 73’ con un tiro di Mario Rui da fuori che termina a lato con Brkic che sembrava battuto. Due minuti dopo si rivede il Cagliari ma Sepe chiude la porta prima a M’Poku e poi a Dessena. La vera occasione per l’Empoli, però, arriva al 78’. Sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla trequarti, Barba fa da torre per Rugani che colpisce a botta sicura ma Diakité respinge con un salvataggio che vale quanto un gol. Tutto inutile però, perché, al 93’ è l’ex di turno Vecino a punire il Cagliari al termine di un’azione convulsa su cui Brkic si ritrova nella terra di nessuno, spalancando le porte del pareggio all’Empoli.

IL MIGLIORE: SAU 7– La sua assenza il Cagliari l’aveva sentita eccome nelle passate settimane. Il trotterellino sardo torna sui livelli dell’anno scorso con una prestazione tutto cuore e tecnica. Fa impazzire la difesa dell’Empoli con le sue serpentine. Gli è mancato solo il gol.

IL PEGGIORE: MACCARONE 5– Per Big Mac la serata non era ottimale. Di palle giocabili glie ne arrivano poche e quando gli arriva finalmente un assist lo spara alto. E’ il finalizzatore di una manovra che stasera non c’è stata.

CAGLIARI-EMPOLI 1-1: 20’ Joao Pedro, 93’ Vecino.

AMMONITI: Farias (C), Balzano (C), Zielinski (E).

LE PAGELLE:

Cagliari:  Brkic 5.5; Balzano 5.5, Diakité 6.5, Ceppitelli 6, Murru 6; Joao Pedro 7, Crisetig 6.5, Dessena 6.5; M’Poku 7 (82’ Husbauer S.V.), Sau 7 (74’ Cop S.V.), Farias 6.5 (76’ Caio S.V.). All. Zeman 6.5.

Empoli:  Sepe 7; Mario Rui 6, Barba 5, Rugani 5.5, Hysaj 5.5; Croce 5 (59’ Zielinski 5.5), Signorelli 5.5, Vecino 6.5; Saponara 6 (69’ Verdi 5.5); Mchelidze 5.5 (55’ Pucciarelli 5), Maccarone 5. All. Sarri 6.

SHARE