SHARE

moralez

L’Atalanta si gioca una bella fetta di salvezza in casa contro l’Udinese: dopo il pareggio contro il Parma per la banda di Edi Reja è vietato sbagliare, soprattutto il virtù del pareggio del Cagliari. Con una vittoria i bergamaschi si porterebbero a +6 sulla zona retrocessione, inguaiando seriamente i ragazzi di Zeman. Per vincere Reja si affida alla difesa a tre (che di fatto sarà a cinque vista la non proprio spiccata natura offensiva di Dramé e Masiello) e alla fantasia del rientrante Moralez e del Papu Gomez a supporto di Denis. Stramaccioni risponde col classico 3-5-1-1: in difesa non ce la fa Heurtaux (solo panchina precauzionale per il francese), per il resto formazione tipo con Fernandes alla spalle di Di Natale, Kone fuori all’ultimo per un problema all’adduttore.

Atalanta-Udinese, le formazioni ufficiali

Atalanta (3-4-3) Sportiello; Cherubin, Stendardo, Biava; Dramé, Cigarini, Carmona, Masiello; Gomez, Denis, Moralez. Allenatore: Reja. A disposizione: Avramov. Del Grosso, Scaloni, Bellini, Migliaccio, Bianchi, Baselli, Emanuelson, Benalouane, Pinilla, Grassi, Boakye.

Udinese (3-5-1-1) Karnezis; Piris, Danilo, Wague; Pasquale, Pinzi, Guilherme, Allan, Widmer; Fernandes; Di Natale. Allenatore: Stramaccioni. A disposizione: Scuffet, Meret, Badu, Perica, Bubnjic, Hallberg, Kone, G. Silva, Heurtaux, Thereau, Geijo, Aguirre.

Atalanta-Udinese, le parole degli allenatori

REJA –Il Comunale deve tornare a essere quel fortino che Bergamo conosce bene. E’ sempre stata dura per tutti fare punti qui, mi aspetto che accada nuovamente. Ci aspetta una partita difficile, loro sanno difendersi bene per ripartire in contropiede. Servirà una prestazione attenta con uno spirito da battaglia. A Parma venivamo da una settimana complicata, la squadra era come bloccata: domani spero sia un’altra storia, sappiamo in cosa dobbiamo migliorare. Intensità, convinzione e spirito battagliero: a livello agonistico la squadra deve esserci sempre, non voglio un gruppo timoroso“.

STRAMACCIONI –L’Atalanta ha aumentato di molto il tasso tecnico potendo schierare dietro alla punta tre giocatori dal baricentro basso e dalla grande qualità nell’uno contro uno come Gomez, Moralez ed Emanuelson. Conoscendo l’ambiente, l’esperienza del mister e il valore dei nostri avversari, sarà una vera e propria battaglia, una partita intensa che non mi aspetto spettacolare, ma dai toni alti e con una posta in palio molto rilevante. Per noi è un test importante, l’occasione per dare continuità e per essere aggressivi e non passivi“.

SHARE