SHARE

roma-fiorentina-formazioni

Diramate le formazioni ufficiali della sfida dell’Olimpico di Roma delle 19:00 Roma-Fiorentina, valevole per il ritorno degli ottavi di finale di Europa League annata 2014/15. Sfida dal coefficiente di difficoltà altissimo per entrambe le squadre, giallorossi che vengono da un momento non facile evidenziato dalla sconfitta casalinga contro la Sampdoria nell’ultimo turno di campionato; Fiorentina invece rinfrancata dalla vittoria in extremis contro il Milan seppur portando avanti un turnover di massa.

Formazioni ufficiali Roma-Fiorentina

Roma (4-3-3): Skorupski; Torosidis Manolas Mapou Holebas; De Rossi Keita Pjanic; Florenzi Ljajic Gervinho.

A Disp: De Sanctis, Cole, Astori, Totti, Verde, Iturbe, Paredes. All. Garcia.

Fiorentina (3-5-2): Neto; Savic, Rodriguez, Basanta; Joaquin, Mati Fernandez, Badelj, Borja Valero, Alonso; Babacar, Salah.

A Disp: Lezzerini, Pasqual, Tomovic, Vargas, Aquilani, Ilicic, Gomez. All. Montella.

Roma-Fiorentina, gli allenatori

GARCIA“Se parliamo dell’Europa hanno segnato parecchio, soprattutto Gervinho perché Manuel si è infortunato per molto tempo. Abbiamo altri giocatori importanti in attacco, ma l’ivoriano è lo stesso che faceva alzare in piedi l’Olimpico per le sue qualità, deve ritrovare in campionato lo spirito che ha in Europa. Iturbe è stato molto tempo infortunato e ha lavorato sempre per ritrovare la forma fisica perché per lui è importante essere al 100% per esprimersi al meglio, ma io ho totale fiducia in questi due giocatori come in tutta la squadra”.

MONTELLA“Non credo che le difficoltà della Roma rappresentino un vantaggio per noi, non possiamo certo sperare che gli eventuali fischi dell’Olimpico intimoriscano i giocatori della Roma, che anzi, per come li conosco, saranno pieni di orgoglio. Totti? No, non l’ho sentito. Ma non l’ho fatto nemmeno le ultime due volte, quindi va bene così. La Fiorentina comunque è molto più preparata rispetto al passato a giocare grandi partite. E’ un match difficile e aperto, doremo essere bravi per passare il turno”.

 

Stefano Mastini

SHARE