Ibrahimovic duro: “Vogliono farmi cadere ma con me non funziona, anzi”

Ibrahimovic duro: “Vogliono farmi cadere ma con me non funziona, anzi”

ibrahimovic 2015

In Francia non si sono ancora placate le polemiche nei confronti dell’attaccante svedese Zlatan Ibrahimovic, per il duro sfogo al termine della gara persa contro il Bordeaux in Ligue 1 nella quale aveva pesantemente attaccato l’arbitraggio della sfida e anche la Francia stessa apostrofandola con espressioni poco edificanti. Nonostante abbia chiesto scusa a parole e successivamente sul campo, trascinando i parigini al successo nell’ultimo turno con una tripletta, la rabbia del popolo transalpino nei confronti del gigante di Malmo non si è ancora sopita, e lo stesso calciatore ha lanciato l’ennesima risposta direttamente dal ritiro della nazionale svedese, che sarà impegnata venerdì contro la Moldavia per le qualificazioni ad Euro 2016.

VOGLIONO FARMI CADERE – “Nessuno parla del perchè mi sia innervosito. Noi giocatori veniamo puniti, l’arbitro no. Avrebbe meritato anche lui una sanzione, che dite? In questo momento sono al top e vogliono farmi cadere in basso, ma con me non funziona, anzi. Mi piace molto giocare in Francia e voglio restare, altrimenti non sarei andato al Paris Saint Germain e non avrei firmato un nuovo contratto per restare così tanto tempo. Ultimo anno con la Svezia? Dopo il 2016 vediamo, potrebbe anche essere”.

SFIDA AL BARCA – Ibra chiude poi spendendo due parole sulla  prossima sfida di Champions League contro il Barcellona: “Quando ci è toccato il Chelsea in molti hanno detto che era un sorteggio difficile, ma alla fine li abbiamo eliminati. Non sarà facile, ma sarà divertente affrontare il Barça”.