Appello respinto: Eto’o costretto a pagare 450mila € alla figlia

Appello respinto: Eto’o costretto a pagare 450mila € alla figlia

eto'o-fiorentina-sampdoria

Dalla sosta per le nazionali tutti pronti a rituffarsi nel calcio di Serie A. Se FiorentinaSampdoria è ormai alle porte ci sono anche altri problemi che tengono banco in casa Eto’o, l’attaccante camerunense infatti ha visto rigettato l’appello al tribunale di Cagliari riguardante una sentenza che la struttura giudiziaria spagnola aveva combinato all’attuale numero 99 doriano. Eto’o era stato infatti condannato a pagare, in prima istanza, 3 mila € mensili a Anna Barranca, nota “pr” sarda operante a Maiorca, dalla quale ha avuto una figlia in seguito ad una “scappatella” nel 2002, la cifra era stata poi adeguata, ai tempi di quando il giocatore si trovava all’Inter, a 10 mila € mensili dallo stesso tribunale di Cagliari a cui il giocatore si è appellato, a fronte dell’evoluzione della carriera di Eto’o medesimo.

ETO’O DEVE PAGARE Ora ad Eto’o non resta altro da fare se non di pagare gli arretrati, si parla di circa 454 mila € (fonte Secolo XIX), cifra di notevole entità che prende in considerazione la sommatoria di tutti gli assegni non adeguati versati dal giorno della sentenza del tribunale di Cagliari ad oggi. Lo stesso giocatore doriano dovrà poi continuare a versare, mensilmente, 10 mila €, quanto pattuito quindi in seguito all’adeguamento, alla madre della piccola Annie. Un ritorno al calcio nostrano non proprio indolore quindi per la stella ex Inter e Barcellona che non può di certo dirsi felice per quanto riguarda l’esito del procedimento giudiziario, adesso al camerunense non resta altro da fare che mettere da parte la propria situazione familiare e pensare al campo, magari cercando di dare una mano alla Sampdoria lanciata nella rincorsa all’Europa, risulta infatti difficile pensare che i liguri possano continuare nella propria marcia senza il migliore Eto’o.

Stefano Mastini