Ferrero non le manda a dire: “Firenze come Roma, voglio due gol”

Ferrero non le manda a dire: “Firenze come Roma, voglio due gol”

ferrero-sampdoria-1

Sabato sera andrà di scena al Franchi di Firenze FiorentinaSampdoria, grande sfida di campionato che metterà sul piatto punti importanti per quanto riguarda la lotta Champions League. A parlare oggi è il numero uno dei blucerchiati Massimo Ferrero, presidente istrionico che non solo Genova, sponda doriana, ma l’Italia tutta ha imparato ad amare, queste le sue dichiarazioni a Sky Sport “La partita di sabato contro la Fiorentina? Io ho sempre detto che chi di speranza vive, disperato muore. Voglio andare lì e fare due gol come ho fatto alla Roma. La mia compagna tifa viola? Stavolta deve perdere”.

Fiorentina avvisata, mezza salvata, tanto per rimanere in tema proverbi. La Sampdoria arriva infatti da un ottimo periodo di forma che ha visto gli uomini di Mihajlovic mettere in cascina punti preziosi che, al momento, valgono più di volo pindarico. In tal senso bisognerà anche capire “l’effetto sosta”, i giocatori gigliati hanno infatti potuto smaltire la tante tossine accumulate negli ultimi mesi letteralmente “intasati” da impegni, mentre alcuni uomini chiave doriani sono stati utilizzati dalle rispettive nazionali, su tutti Soriano ed Eder schierati dal CT nostrano Conte nella gara amichevole contro l’Inghilterra.

Dalla verve targata Ferrero non si è salvata nemmeno la compagna del produttore cinematografico, quella Manuela Ramunni che è solita sedergli accanto durante la partite, costantemente inquadrato dalle telecamere di tutte le emittenti televisive, che nella giornata di ieri ha svelato le sue “origini calcistiche” Sono fiorentina e amo molto la mia città ma da giugno mi è esplosa questa passione per la Sampdoria e non vedo nient’altro. È più forte di me, non avrei mai immaginato di vivere una passione così travolgente. Certe volte non vengo allo stadio e poi mi pento perché da casa soffro troppo” (fonte Secolo XIX).

 

Stefano Mastini