Sassuolo-Chievo, formazioni ufficiali: out Zaza e Sansone, c’è Floro Flores

Sassuolo-Chievo, formazioni ufficiali: out Zaza e Sansone, c’è Floro Flores

sassuolo-chievo-formazioni

Diramate le formazioni ufficiali di Sassuolo-Chievo, sfida del Mapei Stadium valevole per la 29° giornata di Serie A.  Di Francesco sceglie Floro Flores dall’inizio lasciando in panchina sia Zaza che Sansone, Maran risponde con la coppia offensiva PaloschiMeggiorini che, per ora, sta valendo la salvezza per i clivensi.

Formazioni ufficiali Sassuolo-Chievo

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Brighi, Missiroli, Biondini; Berardi, Floccari, Floro Flores.

A disp: Pomini, Polito; Bianco, Natali, Fontanesi, Longhi, Chibsah, Taider, Lazarevic, Sansone, Zaza. All. Di Francesco.

Chievo (4-4-2): Bizzarri; Frey, Gamberini, Cesar, Zukanovic; Schelotto, Radovanovic, Izco, Birsa; Meggiorini, Paloschi.

A disp: Bardi, Seculin; Sardo, Biraghi, Anderson, Christiansen, Cofie, Hetemaj, Vajushi, Botta, Pellissier, Pozzi. All. Maran.

Sassuolo-Chievo, gli allenatori.

DI FRANCESCO“Voglio ritrovare lo spirito di squadra, dobbiamo essere combattivi come gli altri per avere maggiori chance di vincere le gareIl gruppo ha lavorato bene ma la risposta più importante è sul campo. Voglio ritrovare una squadra con cattiveria, con determinazione, voglia di prevalere sull’avversario e che non abbia quelle distrazioni che nell’ultimo periodo stiamo pagando profumatamenteL’idea che inconsciamente i giocatori possano essersi accontentati non l’accetto, dobbiamo giocare partita dopo partita con determinazioneNon siamo ancora salvi, servono punti importanti per trovare la tranquillità necessaria per giocare con spensieratezza“. Ci vuole un Sassuolo con il coltello tra i denti fino a fine stagione, lo ordina il mister.

MARAN – “Abbiamo lavorato bene in queste due settimane, in maniera particolare visto che c’erano molti nazionali via. Ma abbiamo cercato di preparare la partita al meglio, consapevoli che dal punto di vista fisico e mentale stiamo bene e dobbiamo. Quindi per noi in un momento sbagliato, ma non voglio mettere le mani avanti, diciamo che ne abbiamo approfittato per lavorare. Affrontiamo un Sassuolo bravo nella profondità, dobbiamo essere bravi a coprire e a leggere le situazioni. Abbiamo gli stessi punti in classifica e questo dice che anche noi abbiamo delle qualità che dobbiamo contrapporre con convinzione. Quando sono arrivato auspicavo questo. C’era voglia di fare bene, di cambiare tendenza e siamo andati oltre le più rosee aspettative. Ma non siamo ancora salvi. Certo, se questi sono i risultati la strada è quella giusta ma c’è da correre ancora“.

 

Stefano Mastini