UFFICIALE: Fiorentina-Le Coq Sportif, affare fatto!

UFFICIALE: Fiorentina-Le Coq Sportif, affare fatto!

coq sportif-fiorentina

Si va via via costruendo la Fiorentina del domani. Oltre ai movimenti di mercato, importante, se non fondamentale, anche la questione sponsor che, da oggi, almeno per quanto riguarda il lato “tecnico” ha un nome e un cognome ben definito: Le Coq Sportif. Il marchio francese ha deciso infatti di “buttarsi” nuovamente nel mercato del calcio dopo le esperienze delle decadi passate, su tutte i due Mondiali vinti con l’Italia e l’Argentina rispettivamente nell’82’ e nell’86’, quando ancora non si poteva apporre il proprio marchio sulle divise delle rappresentative nazionali. Ritorno nella massima serie del nostro paese dopo dieci anni, dal 2002 al 2005 Le Coq Sportif fu infatti sponsor tecnico dell’Udinese.

Queste le parole di Philippe Erard, presidente di Airesis (società che detiene il pacchetto di maggioranza di Le Coq Sportif), al portale svizzero letemps.ch Fiorentina e Saint Etienne non sono certo i più grandi club d’Europa, ma si tratta di squadre icona, storiche e con una base di fedeli sostenitori. Inoltre l’Italia e la Francia sono i nostri mercati chiave” ha poi aggiunto Yves Corthésy, direttore finanziario di Airesis “Il momento è particolarmente importante. Si tratta di un nuovo passo nella strategia di recupero iniziata nel 2005. L’effetto che avrà la nostra entrata nel mondo del calcio è una questione centrale per noi. I suoi sviluppi verranno valutati in un secondo tempo” (fonte violanews.com).

Si chiude quindi la partnership tra Fiorentina e Joma, con gli spagnoli che avrebbero cercato l’accordo fino all’ultimo salvo poi desistere davanti alla convinzione della società gigliata a chiudere con il marchio francese di Le Coq Sportif. L’accordo avrebbe durata quinquennale per un importo intorno ai 2,5 mln di € annui con premi a salire in base alle prestazioni sportive offerte e alla visibilità ottenuta, cifre comunque che dovranno essere confermate dalla società gigliata nei prossimi mesi.

 

Stefano Mastini