SHARE

marco_negri

Marco Negri, ex attaccante di Perugia e Rangers Glasgow, rivela un particolare inedito della sua carriera: una diagnosi sbagliata che avrebbe potuto cambiargli la vita.

In Scozia nessuno potrà mai dimenticare il bomber italiano Marco Negri che, dopo anni e anni di gavetta e insoddisfazioni nel Bel Paese, riuscì a farsi un nome nei Rangers e addirittura a diventare capocannoniere del campionato scozzese nel 1998. A tanti anni di distanza da quei momenti trionfali, è proprio Negri a rivelare una confessione shockante dal Daily Record.

Negri, infatti, spiega di aver mollato tutto e di essere tornato in Italia poiché ebbe paura di aver contratto l’Aids, malattia purtroppo notissima e ancora letale. Dopo un forte contrasto di gioco in una gara contro l’Aberdeen, infatti, le analisi fatte sul sangue dell’attaccante rivelarono proprietà simili a quelle di un malato di Aids. Ovviamente, lo spavento per Negri fu inatteso e devastante: “Non avevo nemmeno preso in considerazione la possibilità di essere HIV positivo, ma la dura realtà era lì davanti a me nella relazione medica, ed era difficile da ignorare e digerire.”.

Così, Negri prende la decisione di tornare a casa. Fortunatamente, però, gli esami svolti a Bologna svelarono che il calciatore non aveva assolutamente contratto l’Hiv e che il tutto era stato solo il risultato di una frattura da stress localizzata tra tibia e ginocchio. Negri, ovviamente, dovette rescindere il contratto con i Rangers e, di fatto, chiuse in anticipo la sua carriera internazionale (anche se torno ai Rangers ad inizio 2000, senza grossi risultati). Dopo lo spavento, Negri non ritornò mai ai fasti di un tempo: giocò per Bologna, Cagliari, Livorno e Perugia, essendo però decisivo solo in rarissime occasioni (per lo più in maglia amaranto in Serie B). Di certo, però, i successi del passato e gli ultimi anni di carriera sottotono son valsi molto meno rispetto alla gioia e la felicità di non aver contratto l’Aids. La storia è raccontata, in maniera dettagliata, nel romanzo “Moody Blye: The Story Of Mysterious Marco”, che dal 9 aprile racconterà agli appassionati la carriera e la vita fuori dal campo di Marco Negri.