Roma, Castan: “Mi dissero che non avrei più giocato, tornerò all’ultima di campionato”

Roma, Castan: “Mi dissero che non avrei più giocato, tornerò all’ultima di campionato”

castan

Leandro Castan parla delle proprie condizioni di salute a poco più di 4 mesi di distanza dall’operazione alla testa subita per rimuovere un cavernoma. Il difensore brasiliano parla di come ha affrontato la brutta notizia e di quanto sia stato difficile prendere la decisione di sottoporsi ad intervento chirurgico, svelando anche che gli era stato detto che non avrebbe più potuto giocare a calcio mentre ora lavora per tornare in campo nell’ultima giornata di campionato.

LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL Castan ha dichiarato:“Tutto è partito da quei giramenti di testa. Ci sono voluti due mesi per capire cosa avevo e quando l’ho saputo ho vissuto tre giorni di buio completo. Un medico mi aveva detto che non avrei più potuto giocare al calcio e l’operazione mi faceva paura. Alle fine ho deciso per la mia famiglia, ho fatto questo intervento proprio per tornare a giocare a pallone. Torno presto: sto lavorando per esserci già per l’ultima giornata. In ogni caso, l’anno prossimo, puntate su di me: sarò al 100%. E vi sorprenderà anche Iturbe”.

MANCA POCO – A tenere in cura Castan per tutto questo tempo è stato il professor Maira, lo specialista che ne ha guidato anche l’intervento chirurgico e che già lunedì prossimo nella sua clinica dei Parioli dovrebbe concedere il placet definitivo al difensore brasiliano per la ripresa dell’attività sportiva. Castan fin qui ha rispettato tutti gli step previsti dalla procedura post-operatoria e nulla sembra frapporsi con la ripresa degli allenamenti dopo che già da un pò di tempo il calciatore giallorosso ha ripreso a svolgere lavoro tecnico ed atletico a parte in forma ridotta e comunque sempre escludendo i colpi di testa, con il capo che rappresenta per l’appunto la zona dove il cavernoma è stato rimosso.

QUANTO CI MANCHI – A Castan serve proprio il via libera per poter svolgere normalmente i contrasti aerei: fino ad allora niente allenamenti regolari con il gruppo ed ovviamente niente partite, ma su questo aspetto c’è grande ottimismo e ci si aspetta per l’appunto che l’appuntamento medico della prossima settimana possa dare il tanto sospirato via libera per il ritorno alla consueta attività agonistica. Dopo di allora Castan aumenterà i propri carichi di lavoro e l’intensità degli allenamenti e tra un mese dovrebbe sostenere una nuova visita e le possibilità che torni ai livelli agonistici precedenti sono molto alte. La Roma tra l’altro ha risentito molto della prolungata assenza del centrale ex Atletico Mineiro incassando qualche rete di troppo nelle diverse competizioni che l’hanno visto sin qui impegnata in stagione.