Courtois svela il segreto: “Portiere grazie al mio amore per la pallavolo”

Courtois svela il segreto: “Portiere grazie al mio amore per la pallavolo”

17 - Thibaut Courtois
17 – Thibaut Courtois

Thibaut Courtois, portiere belga classe 1992, negli ultimi anni è salito pesantemente in cattedra, scalando gradino dopo gradino la scala del successo, fino a portarsi ad un passo dal ‘titolo’ di miglior portiere al mondo, alle spalle del solo Manuel Neuer. Il giovane numero uno del Belgio, ha però solo 23 anni e tutta una carriera ancora da scrivere: cresciuto nelle giovanili del Genk, è stato acquistato a stento maggiorenne dal Chelsea che lo ha girato in prestito per tre anni all’Atletico Madrid con il quale è esploso definitivamente, vincendo tra l’altro anche Copa del Rey, Liga, Supercoppa Uefa ed Europa League, oltre ad un secondo posto nella Champions League dello scorso anno, che ha consacrato la definitiva rinascita dell’Atletico dopo diverse stagioni sottotono. Ora Courtois si sta riconfermando ad alti livelli anche al Chelsea, dove ha vinto sin da subito la concorrenza del veterano Petr Cech e con il quale ha già portato una Coppa di Lega ed ora si appresta a vincere la sua prima Premier League. Ma quando è scoccata la scintilla tra Courtois e il ruolo di portiere? E’ presto detto, infatti, proprio l’estremo difensore belga ha rivelato che ad influenzare pesantemente la sua scelta più importante, è stato l’amore per un altro sport: la pallavolo, che gli ha fatto affinare agilità e riflessi.

AMORE PER LA PALLAVOLO –Grazie al mio amore per la pallavolo ho sempre avuto buoni riflessi e imparato a tuffarmi e proprio per questa ragione ho iniziato a stare spesso tra i pali. L’idea giocare in porta con continuità è nata dopo aver disputato un paio di tornei nei quali mi premiarono come miglior portiere e già quando iniziammo ad usare i campi da undici a 10 o 11 anni il mio ruolo era diventato quello; quando qualche mio compagno si infortunava però chiedevo sempre di poterlo sostituire”.