Ibrahimovic fa 102 col PSG, numeri stellari per lui

Ibrahimovic fa 102 col PSG, numeri stellari per lui

ibrahimovich

Zlatan Ibrahimovic si conferma la top star assoluta del Paris Saint-Germain dopo la tripletta inferta ieri sera al Saint Etienne in semifinale di Coppa di Francia. I campioni della Ligue 1 in carica hanno battuto les Verts con un netto 4-1 e tre dei gol li ha messi a segno l’intramontabile Zlatan, il quale ha anche sfondato quota 100 reti realizzate con la compagine del Parco dei Principi: ora lo score aggiornata dice 102 reti in 124 partite giocate con anche 41 assist all’attivo. E a dirla tutta ci sono anche 21 ammonizioni e 3 espulsioni, a sottolineare il carattere a volte eccessivamente intemperante che però è tipico a volte dei campioni e dei leader.

VETTA VICINA – Ieri con l’ennesimo hat trick in maglia rossoblu ed in carriera Ibrahimovic si è issato anche al secondo posto assoluto nella classifica di specialità dei cannonieri più prolifici della storia del Paris Saint-Germain, giungendo a soli 7 gol di distanza da Rodrigo Pauleta, il bomber portoghese che ha dettato legge nel club transalpino dal 2003 al 2008. A 33 anni e con qualche acciacco di troppo Zlatan sembra non volersi comunque fermare ed ora il grande obiettivo resta il trionfo in Champions League che tanto manca al campione svedese.

IL MATCH – L’altra rete del PSG è stata realizzata da Ezequiel Lavezzi al 60′. Il PSG era passato in vantaggio con un calcio di rigore di Ibrahimovic al 21′ ma solamente 5 minuti dopo gli ospiti pervengono al pareggio con Hamouma, abile a trafiggere l’esperto portiere Douchez dopo essere stato ben imbeccato da Mollo. Nella ripresa Lavezzi fa 2-1 al 60′ prima di lasciare la scena ad Ibrahimovic, il quale in poco più di dieci minuti equilibria in modo netto l’esito della partita segnando ancora all’81’ su assist di Rabiot e poi in pieno recupero al 92′ dopo un passaggio vincente del subentrato Bahebeck; bellissima in particolare questa rete con tanto di dribbling ai danni dell’estremo difensore avversario Ruffier. Il PSG approda così in finale dove troverà il sorprendente Auxerre, che da qualche stagione milita ormai in Ligue 2 senza troppi acuti ma che due giorni fa è stato capace di eliminare il più quotato Guingamp.