Burnley-Arsenal 0-1, analisi e pagelle: Ramsey e Coquelin sono super

Burnley-Arsenal 0-1, analisi e pagelle: Ramsey e Coquelin sono super

burnley-arsenal

L’Arsenal di Wenger fa la voce grossa in casa del Burnley ma il Turf Moore è tutt’altro che un luogo di facile conquista, i ventimila del Lancashire fanno paura quando gridano e incitano i propri uomini che si devono piegare solo e soltanto in seguito ad una mischia in area di rigore con palla vagante su cui si avventa Ramsey. Gli altri ottanta minuti sono giocati al limite fisico con entrambe le formazioni che non demordono e mettono in campo tutta la propria intensità. Il giudice di gara Mike Dean fischia la fine di un match combattutissimo dopo tre minuti di recupero oltre il 90′.

Chiave tattica – Voce del verbo aggredire. Una partita degna della miglior Premier League di sempre, ritmi elevatissimi, grande aggressività e gioco di prima con una compagine tattica alle volte stentata. Per mettere in difficoltà un Arsenal lanciatissimo ci voleva proprio una formazione coriacea come il Burnley che non ha messo da parte l’ascia di guerra facendosi sopraffare dai Gunners, decisamente superiori agli uomini di Dyche dal punto di vista tecnico. Per i Clarets è stato un match di grande sacrificio soprattutto al centro del campo dove le geometrie di Coquelin, Cazorla e Ramsey hanno avuto la meglio sull’ardore fisico dei vari Arfield e Boyd, mentre in difesa Duff e Shackell hanno stoppato il bomber Giroud. Wenger deve ringraziare la buona vena di Alexis Sanchez, giocatore a tutto campo dell’Arsenal, veloce eppure forte quanto basta per reggere i contrasti della Premier League.

ProtagonistiCoquelin, Ramsey e Ospina per i Gunners, i primi due a formare il “core” del centrocampo di Wenger, perfetto in fase di ripartenza e contenimento, capaci di saper leggere il gioco avversario, pronti soprattutto a prendersi dei bei rischi con dribbling e tocchi di prima in zone pericolose del campo. Ottimo Ospina, sempre reattivo e pronto davanti agli attacchi dei Clarets. Per i padroni di casa grande prova di Jones, moto perpetuo a metà campo, e Trippier che rischia il gran gol su punizione dopo appena dieci minuti di gioco.

La giocata – Due per la precisione. Dopo il vantaggio firmato Ramsey Trippier impegna Ospina con una bellissima punizione dal limite, l’estremo difensore dei londinesi è un gatto e respinge con i pugni una conclusione davvero ben calibrata. Appena quattro minuti dopo è Cazorla a mettere i brividi a Heaton, su punizione “simmetrica”, palla che gira sopra l’incrocio dei pali e per poco non manda in estasi Wenger pronto a saltare in panchina.

Il momento – Il primo quarto d’ora di gioco, i Clarets potrebbero passare dopo appena cinque minuti, ma Vokes spreca da posizione ottimale; Ramsey invece non si lascia pregare e su batti e ribatti in area mette dentro con un bel destro di prima intenzione. Della serie “gol non fatto, gol subito”.

Tabellino e pagelle Burnley-Arsenal

Burnley (4-4-2): Heaton 5; Trippier 6,5, Duff 6, Shackell 6, Mee 6; Boyd 5,5, Arfield 5, Jones 6,5 (92′, Taylor sv), Barnes 6,5; Vokes 5,5, Ings 5.

A disp: Gilks, Keane, Ward, Ulvestad, Jutkiewicz, Taylor, Kightly. All. Dyche

Arsenal (4-3-3): Ospina 7, Bellerin 6, Mertesacker 6,5, Koscielny 6,5, Monreal 6; Coquelin 7, Cazorla 6,5, Ramsey 7; Ozil 6, Alexis Sanchez 7 (93′, Chambers sv), Giroud 5 (81′,Welbeck 6).

A disp: Szczesny, Gibbs, Chambers, Flamini, Rosicky, Walcott, Welbeck. All. Wenger

Gol: Ramsey 12′

Ammoniti: Mee, Duff

Espulsi:

IL MIGLIORE Coquelin: Corre come un disperato, partita monumentale per il centrocampista di Wenger, capace di costruire e interdire, stasera la vittoria dei Gunners è merito soprattutto suo. Voto 7

IL PEGGIORE Giroud: Messo costantemente nel mezzo dagli uomini del Burnley, capaci di un match impressionante per quanto riguarda sacrificio e dedizione, lui in tutta risposta si estranea. Spettro. Voto 5

 

Stefano Mastini