Moenchengladbach-Borussia Dortmund 3-1: analisi e pagelle

Moenchengladbach-Borussia Dortmund 3-1: analisi e pagelle

Gladbach BVB

Al Borussia Park il big match della 28/a giornata di Bundesliga termina con il punteggio di 3-1 in favore dei padroni di casa del Monchengladbach, abili a sbloccare subito la contesa dopo meno di un minuto portando la gara sul proprio binario preferito prima di chiuderla in con le reti alle mezz’ora e nella ripresa firmate da Raffael e Nordtveit.

CHIAVE TATTICA – Velocità, qualità, aggressività e un pizzico di incoscienza, questa è stata la miscela vincente del Borussia Moenchengladbach, che dopo meno di 30 secondi si è portato in vantaggio con la rete di Oscar Wendt, mandando in fumo il piano tattico del ‘Mago’ Klopp. L’allenatore tedesco aveva infatti schierato i suoi con il consueto 4-2-3-1, con l’intenzione di sfruttare la micidiale arma delle ripartenze, nonostante l’assenza dell’asso Reus. Lo svantaggio prematuro ha fatto però cambiare i piani del BVB, costretto sin da subito a fare la partita, con risultati decisamente scadenti nel primo tempo, come testimonia la casella ferma sullo 0 delle parate di Sommer. Dall’altra parte il Gladbach dopo l’1-0 ha potuto suonare lo spartito che preferisce, difendendo in modo egregio con le due linee da quattro di difensori e centrocampisti molto vicine e compatte, utili a non lasciare spazio alle iniziative ospiti, e propedeutiche anche alle letali ripartenze di Herrmann come in occasione del raddoppio, coadiuvato dall’ottimo Raffael a fare da collante tra attacco e centrocampo. Nella ripresa il BVB abbozza un tentativo di difesa a 3, che permette alla squadra di creare qualche pericolo in più, ma che al contempo espone la porta giallo nera alle terribili ripartenze dei ragazzi di Favre che a metà frazione chiudono i conti su calcio da fermo. Solo alle statistiche è valsa la rete di Gudogan arrivata nell’unico momento di relax del Monchengladbach.

PROTAGONISTI – Nessun dubbio sui protagonisti del match giocato a ‘Borussia Park’: Patrick Herrmann e Raffael, sono stati sicuramente i migliori. Il giovane esterno tedesco ha rappresentato un vero e proprio enigma irrisolto per la retroguardia giallo nera, mai in grado di fermare le sue cavalcate offensive, come testimonia il presepe vivente rappresentato dalla difesa ospite in occasione del 2-0. Raffael è stato però la spalla ideale per completare l’opera, grazie alla marcatura facile facile proprio su assist di Herrmann, ma anche in occasione del vantaggio lampo, con lo splendido 1-2 ancora con l’esterno cresciuto nel club bianco-nero-verde. Nella ripresa il brasiliano si eclissa leggermente, mentre Herrmann preme ancora sull’acceleratore rischiando più volte di trovare la rete personale.

LA GIOCATA – Bisogna premiare ancora una volta Herrmann anche per la giocata fantastica sul già citato gol del raddoppio. Il classe ’91 ha difatti spaccato il BVB con un coast to coast in stile Bruno Peres seminando avversari a partire dalla sua metà campo, prima di servire a Raffael un cioccolatino solamente da scartare.

IL MOMENTO – Se la rete del 2-0 può essere considerata come quella che ha tagliato le gambe definitivamente al Dortmund, quella del primo vantaggio può essere tranquillamente riconosciuta come quella spacca partita, che ha cambiato il registro del match dopo meno di un minuto costringendo squadra ed allenatore a modificare i propri piani.

TABELLINO E PAGELLE:

Borussia Moenchengladbach-Borussia Dortmund 3-1 (1’ Wendt, 32’ Raffael, 67’ Nordtveit, 76’ Gundogan)

AMMONITI: Brouwers (M)

ESPULSI:

Borussia Moenchengladbach (4-4-1-1): Sommer 6,5; Jantschke 5,5, Brouwers 6, Dominguez 6,5, Wendt 6,5; Herrmann 7,5, Nordtveit 6,5, Xhaka 6,5, Johnson 6 (Hazard 6); Raffael 7 (Hann sv); Kruse. 6 Allenatore: Lucien Favre.

Borussia Dortmund (4-2-3-1): Weidenfeller 5,5; Sokratis 5,5, Subotic 5,5, Hummels 5, Schmelzer 5,5 (Dudziak 6); Kehl 5, Gundogan 6; Blaszczykowski 6, Kagawa 5 (Ramos 5,5), Mkhitaryan 5,5; Aubameyang 5,5 (Immobile sv). Allenatore: Jurgen Klopp.