Cesena-Chievo, formazioni ufficiali: Defrel e Djuric per la salvezza

Cesena-Chievo, formazioni ufficiali: Defrel e Djuric per la salvezza

cesena-chievo-formazioni

Diramate le formazioni ufficiali di CesenaChievo, sfida del Manuzzi valevole per l’anticipo dell’ora di pranzo della 30° giornata di Serie A 2014/15.

Formazioni ufficiali Cesena-Chievo

Cesena (4-3-1-2): Leali, Perico, Capelli, Lucchini, Krajnc; Giorgi, Cascione, Carbonero; Brienza; Defrel, Djuric.

A disp: Agliardi, Iglio, Nica, Rodriguez, Succi, Mudingayi, Moncini, Cazzola, Ze Eduardo. All. Di Carlo.

Chievo (4-4-2): Bizzarri; Frey, Dainelli, Cesar, Zukanovic; Schelotto, Izco, Radovanovic, Hetemaj; Paloschi, Meggiorini.

A disp: Bardi, Seculin, Gamberini, Pozzi, Christiansen, Vajushi, Cofie, Botta, Sardo, Birsa, Pellissier, Biraghi. All. Maran.

Cesena-Chievo, i due allenatori

DI CARLOPer salvarci c’è solo una strada: dobbiamo correre più forte degli altri – dice il tecnico bianconero nella conferenza stampa della vigilia – L’importante è che la squadra abbia il giusto atteggiamento, la giusta mentalità. Così potremo giocarci la salvezza. Per un allenatore, il Chievo è l’ambiente ideale dove lavorare. Il clima è piacevole per tutti, anche se ho trovato un ambiente simile anche qui, a Cesena. Sarà una partita difficile, dovremo soffrire e lottare – continua Di Carlo – il Chievo è una squadra difficile da affrontare, che con Maran ha trovato la strada giusta. Per cui complimenti a lui. Scontro salvezza? No, perché loro sono salvi al 90%.

MARAN – “Il Cesena sa mettere in campo tanto agonismo, poi ha tre attaccanti che sanno completarsi bene fra la velocità di Defrel, la forza fisica di Djuric e le qualità tecniche di Brienza. In più ha il vantaggio di giocare sul prato sintetico, un fattore in più da tenere sicuramente in considerazione, non siamo abituati a giocarci a differenza loro. Non ci ha condizionato a livello mentale. Siamo ancora arrabbiati per alcuni episodi, ma questa rabbia la dovremo trasformare in energia positiva.. Dobbiamo essere contenti perchè abbiamo messo in difficoltà un’ottima squadra come il Sassuolo sul proprio campo. Abbiamo commesso degli errori, ma abbiamo anche capito che con il giusto atteggiamento possiamo mettere in difficoltà chiunque“.

Stefano Mastini