SHARE

Luis Enrique

Una Liga, la  ventitreesima della propria storia, e due finali tutte da giocare per coronare il sogno di un nuovo ‘Triplete’ da urlo dopo l’ultimo targato Guardiola e messo in bacheca nel 2009. Squadre diverse, protagonisti in alcuni ruoli differenti e anche due tecnici, Guardiola e Luis Enrique accomunati dallo stesso amore per il Barça, ma non dalla stima e dall’affetto dei supporter blaugrana. Mettere a segno il tris sognato da tutti gli allenatori del mondo, campionato, coppa nazionale e Champions League, sarebbe il modo migliore per certificare il rilancio definitivo di Lucho, mai troppo amato dall’ambiente e reduce dalla fallimentare esperienza romana inframezzata da una breve esperienza col Celta Vigo. Sulla strada del Barça ci saranno però Athletic Bilbao e Juventus a tentare di rovinare la festa. La testa di Messi &co è sintonizzata sull’imminente sfida con i baschi, parola di Luis Enrique, che smentisce ogni ipotesi di distrazione dovuta alla finale di Berlino e lancia, almeno a parole, Luis Suarez dal primo minuto nella finale di Copa del Rey.

SUAREZ DAL 1’ MINUTO – Ecco le parole del tecnico blaugrana nella consueta conferenza stampa pre-partita: “Non sto preparando due finali, la mia testa oggi è solo per la gara di domani, con l’Athletic Bilbao. Avremo la possibilità di giocare in uno stadio che, per quanto neutrale, resta sempre il nostro, quindi saremo in casa. Mi fido della squadra: per tutta la stagione ha pensato ad una gara alla volta e sarà così anche domani. Alla Juve ci penseremo da lunedì. Inutile guardare avanti, prima dobbiamo vincere la Coppa del Re. Abbiamo moltissima voglia di portare a casa questa coppa. Non mi piace fare una classifica degli obbiettivi in questo momento. Sono occasioni che capitano ed è difficile che si ripetano.  Alla squadra – prosegue Lucho – non ho fatto vedere video motivazionali perché credo servano a poco. Se mai, ho mostrato i video con pregi e difetti dei nostri avversari. I baschi ci hanno messo in difficoltà in campionato e domani sarà una gara difficile. Suarez sta bene, si è allenato tutta la settimana ed è pronto per giocare dall’inizio”.