SHARE

marchisio

A pochi giorni dalla finalissima di Champions League Juventus-Barcellona si presentano in conferenza stampo Claudio Marchisio e il mister Massimiliano Allegri. Il centrocampista, uno degli uomini simbolo della magnifica stagione bianconera, racconta le sue sensazioni in vista del match di sabato: Non abbiamo di certo paura, solo felicità e la giusta tensione. Felicità perché se andiamo a vedere l’inizio della nostra stagione nessuno puntava su di noi per questa finale. Ci siamo arrivati, quindi grande felicità, viviamo questa settimana in maniera serena, cercando però di lavorare bene e prepararla bene perché è una finale di Champions. Sappiamo di incontrare una grande squadra, hanno tre attaccanti fenomenali, hanno fatto 120 gol, mi sembra che sia il record in Spagna, quindi sappiamo le loro potenzialità, le capacità che hanno, però da parte nostra siamo un grande gruppo, con grande cuore, grande carattere, ben organizzato, quindi dobbiamo pensare solo a prepararci bene per questa partita. Questo è un momento che sognano tutti da piccoli. Io e i miei compagni non vediamo l’ora di giocare una partita così importante, soprattutto con questa maglia, perchè la Juventus non la gioca da tanti anni. C’è veramente tanta voglia di scendere in campo, di giocarla in maniera spensierata, con le grandi qualità che ha questa squadra, che ha dimostrato in questi mesi, avendo rispetto di una grande squadra, il Barcellona, ma di andare in campo e giocarcela fino alla fine”.

Da piccolo era lui a guardare e chiedere ai grandi giocatori della Juventus una vittoria nella manifestazione europea più importante, adesso invece tocca a lui non deludere i propri tifosi: “Io ho avuto l’opportunità di vedere quella del ’96, ce ne sono state altre che la la Juventus purtroppo non è riuscita a vincere, però al di là di questo sappiamo la grande voglia che c’è in giro, in città, ma anche in società, la voglia di arrivare a Berlino e giocarci questa partita. Poi i tifosi devono sapere benissimo che è una finale, quindi le possibilità sono 50 e 50. Noi vogliamo portarla ad ogni costo a Torino e vedremo“.

Infine un commento su Pirlo e Xavi“Sono due grandissimi campioni, hanno fatto la fortuna dei loro club e delle nazionali. Sono il top nei loro ruoli e lo dimostrano ancora adesso che sono un po’ avanti con l’età. Andrea è un grande professionista che può risolvere le partite in ogni momento, sono due grandi campioni e c’è solo da imparare da loro”.

SHARE