SHARE

Como

LA CHIAVE TATTICA- Il Como, con il suo centrocampo folto, cerca da subito di prendere in mano il controllo del gioco, sfruttando anche il fattore casa, con uno stadio “sold-out” e caldissimo nell’incitare i propri beniamini. La difesa a 3 però sembra scricchiolare e infatti il Bassano approfitta delle palle perse degli avversari per far male, principalmente con l’ex Cattaneo, caparbio nel far girare più volte la testa alla linea difensiva biancoblù sfruttando anche alcune indecisioni ed errori. La spinta sugli esterni però frutta al Como il vantaggio, che con rapidi cambi di gioco arriva nei pressi della porta di Grandi, una volta segna, la seconda quasi. Eppure il Bassano fa male e nella seconda metà di primo tempo riesce anche a riequilibrare il match dal punto di vista del gioco, nonostante una circolazione di palla piuttosto lenta però. La ripresa inizia sulla falsa riga del primo tempo, ma il Bassano ovviamente ha interesse a scoprirsi di più, dopo aver sfiorato un paio di volte il pareggio, brama il gol in trasferta, di grande valore, ma rischia di scoprirsi. Infatti le squadre spesso si allungano, ma i comaschi sono bravi a spezzare numerose azioni avversarie e a ripartire velocemente, pregustando il doppio vantaggio che arriva solo sul finale di partita.

IL MOMENTO- Nel 12′ minuto il Como è passato in vantaggio, infiammando il pubblico di casa e proiettando il match verso un risultato positivo. Eppure il controllo del gioco dei padroni di casa viene interrotto da una delle fiammate di Cattaneo, l’ex fischiatissimo riceve pochi palloni ma fa soffrire gli avversari. Così come al minuto 19′ in cui fa impazzire tre giocatori con un dribbling al limite dell’area e fulminando Crispino con un sinistro secco, preciso ed angolato. L’esultanza degli ospiti viene però interrotta dal palo, che sputa fuori dalla porta il pallone ormai destinato a rete. Con il risultato di 1 a 1 in quel momento del match probabilmente il Bassano avrebbe avuto un atteggiamento diverso per il resto dell’incontro, mentre il Como è riuscito a mantenere vantaggio e controllo del campo per tutto il match.

LA GIOCATA- Il Como controlla il gioco e parte forte, proprio con un paio di cambi di gioco rapidi mette in seria difficoltà il Bassano. Infatti gli ospiti non coprono bene su un cross teso ma alto che giunge dalla fascia destra, supera tutta l’area e arriva fino a Le Noci. La punta comasca è bravissima nello staccare con i tempi giusti da terra e a colpire il pallone non schiacciandolo ma effettuando un pallonetto. Incornata che quindi prende in controtempo il portiere Grandi, incapace di recuperare la propria posizione. Palla sul secondo palo e vantaggio firmato Le Noci, nato e cresciuto a Como, ritrornato nel 2013 nella squadra della sua città e con ben 12 gol all’attivo stagionali.

I PROTAGONISTI- L’esperienza, in partite e categorie del genere, fa la differenza e Marco Cassetti lo sa bene, anzi benissimo. Nella retroguardia del Como è il leader ed è autore di una prestazione perfetta, senza sbavature, senza errori e anticipando sempre gli avversari, sia col pensiero che con le giocate. Nei padroni di casa anche Castiglia Le Noci guidano la squadra verso la vittoria, con il centrocampista preciso e senza errori, metronomo del gioco, e la punta autrice di un gol fondamentale per spaccare la partita. Negli ospiti Cattaneo, grande ex del match è il pericolo numero 1 della difesa biancoblù, con giocate di classe ma efficaci per superare e spezzare la linea difensiva.

Como-Bassano 2-0 (12′ Le Noci, 82′ Ganz)

Como (3-5-2): Crispino 6, Ambrosini 6,5, Fautario 6 (78′ Defendi 6,5), Fietta 5,5, Giosa 6, Cassetti 7, Marconi 6, Castiglia 7 (87′ Ardito sv), Ganz 7, Le Noci 7 (74′ Cristiani 6), Casoli 6 All. Sabatini A Disp. Falcone, Lebran, Ardito, Rolando, Cristiani, Maritato, Defendi

Bassano (4-3-2-1): Grandi 6, Toninelli 5,5, Semenzato 5,5 (74′ Stevanin 6), Cenetti 6, Priola 6, Bizzotto 5,5, Davì 6, Proietti 6 (65′ Cortesi), Iocolano 6,5, Nolè 6,5, Cattaneo 7 (87′ Spadafora sv) All. Asta A Disp. Scaranto, Stevanin, Zanella, Casarini, Ingegneri, Cortesi, Spadafora

Arbitro: Sig. Rapuano Antonio – Rimini

1 Assistente: Sig. Margani Damiano – Latina

2 Assistente:  Sig. Opromolla Giuseppe – Salerno

4 Uomo:  Sig. Calabrese Stefano – Avezzano