SHARE

Wimbledon-2015

A due giorni dall’inizio di Wimbledon scopriamo come si presentano all’evento i favoriti. Da Djokovic a Ferrer un focus sullo stato di forma e le aspettative delle prime otto teste di serie dei Championships.

Testa di serie numero 1: Novak Djokovic
Testa di serie numero 1: Novak Djokovic

Quando sei il numero uno del mondo sei il logico favorito in ogni torneo che giochi, se poi sei anche il detentore del titolo non restano dubbi: Novak Djokovic è sicuramente il giocatore più accreditato a conquistare il titolo di Wimbledon. Il serbo, già vincitore per due volte sui prati dell’All England Club, cerca il secondo successo consecutivo dopo che negli ultimi sette anni nessuno è riuscito a confermarsi campione (l’ultima striscia di vittorie risale ai 5 successi consecutivi di Roger Federer datati 2003-2007). Dopo la delusione del Roland Garros Djokovic ha deciso, come da sua abituale routine, di non prendere parte a nessun torneo su erba prima dei Championships riposandosi e giocando solo qualche match di esibizione. Nell’anno in cui è stata aggiunta una settima in più tra i due Slam estivi potrebbe sembrare un azzardo stare più di venti giorni lontano dalle competizioni ma il serbo ha comunque preferito non modificare il suo programma. Solo il campo saprà dirci se è stata la scelta giusta. Un primo turno difficile come quello contro Philipp Kohlschreiber potrebbe aiutarlo ad entrare subito in clima torneo. Il sorteggio, dopo un inizio non semplice, è dalla sua parte: gli altri tre “Fab Four” sono nell’altra parte del tabellone e non potrà incontrarli prima di un eventuale finale.

Quota Djokovic: 2.30

Testa di serie numero 2: Roger Federer
Testa di serie numero 2: Roger Federer

Roger Federer si presenta ai Championships più carico che mai: il sette volte campione di Wimbledon andrà a caccia del suo ottavo titolo che significherebbe staccare Pete Sampras e William Renshaw nella classifica dei giocatori con più trionfi sui prati di Church Road. Il sorteggio ha riservato al fenomeno svizzero, reduce dall’ottavo titolo ad Halle, un tabellone dai due volti: la prima settimana non dovrebbe federerporre insidie sul cammino di Roger, mentre dai quarti in poi la sfida si fa durissima. Berdych, Murray (o Nadal) ed infine Djokovic sono i tre giocatori che, teoricamente, dovrebbe battere consecutivamente per aggiudicarsi il torneo. In un torneo 3 su 5 una sequenza di match così potrebbero essere troppo per un giocatore di 34 anni. Nonostante questo stiamo parlando di Roger Federer: non ci resta altro quindi che aspettare e vedere cosa saprà inventarsi questa volta. Oppure per citare i famosi striscioni dei suoi tifosi: Shhh! Quiet! Genius at work.

Quota Federer: 7.00

murray
Testa di serie numero 3: Andy Murray

Andy Murray si sente pronto per riconquistare, dopo il successo del 2013, il titolo di Wimbledon: lo scozzese, da quando si è sposato, è reduce da un impressionante parziale di 21-1 con l’unica sconfitta risalente alla semifinale del Roland Garros persa al quinto contro Novak Djokovic. Andy si muove da dio sull’erba ed è probabilmente il giocatore che si trova più a suo agio su questa superficie dopo Roger Federer. Da un punto di vista fisico è più carico che mai ed il matrimonio sembra avergli donato una solidità mentale prima sconosciuta. Tecnicamente infine è un giocatore indiscutibilmente talentuoso. Come se non bastasse gioca in casa e su un campo del genere il supporto del pubblico può fare la differenza. Per i bookmakers è il secondo favorito dietro a Djokovic e la cosa non stupisce affatto.

Quota Murray: 3.75

Testa di serie numero 4: Stan Wawrinka
Testa di serie numero 4: Stan Wawrinka

Stan Wawrinka ha conquistato, in mezzo allo stupore generale, il titolo del Roland Garros giocando un tennis spaziale. Lo svizzero è quindi in fiducia ma le incognite sono dietro l’angolo. Da un punto di vista tecnico l’erba non è la sua superficie più congeniale: se è vero che Stan può fare affidamento su un ottimo servizio e due fondamentali incredibilmente potenti è anche vero che questa superficie, più veloce e dal rimbalzo più basso, concede allo svizzero meno tempo per caricare i suoi colpi da fondocampo non permettendogli quindi di sprigionare tutta la potenza di cui è in possesso. Teoricamente sull’1-2 Wawrinka non perde troppo potenziale ma su scambi più lunghi a causa dei motivi suddetti rischia di non riuscire a comandare lo scambio come è in grado di fare sulle altre superfici, quando è al top della forma psicofisica. L’altra grande incognita è la tenuta mentale e la continuità (sul lungo periodo) che ne deriva: lo svizzero, come ammesso dal suo stesso allenatore, è un giocatore ancora troppo discontinuo che può passare dal vincere uno Slam a perdere al primo turno nel torneo successivo. Bissare i quarti dello scorso anno non sembra una missione troppo complicata ma, per andare più avanti, servirà acquisire fiducia e consapevolezza anche su questa superficie.

Quota Wawrinka: 16,00

Testa di serie numero 5: Kei Nishikori
Testa di serie numero 5: Kei Nishikori

Il giapponese è un giocatore dal quale ci si aspetta l’acuto, ed il derivante salto di qualità, da ormai due anni ma Nishikori non sembra ancora intenzionato ad esplodere. Se al Roland Garros risultava facile vederlo come il più accreditato dopo i soliti noti (ed ha comunque deluso), sull’erba di Wimbledon difficilmente potrà portare a casa un grande risultato. L’erba non è una superficie congeniale alle sue caratteristiche ed, inoltre, è reduce dall’ennesimo infortunio e ritiro (in semifinale ad Halle contro il nostro Seppi). La vera croce che rischia di precludere al ragazzo i risultati che merita.

Quota Nishikori: 60,00

Testa di serie numero 6: Tomas Berdych
Testa di serie numero 6: Tomas Berdych

Berdych è un grande giocatore ma il treno per conquistare un Major sembra ormai passato: il ceco è un giocatore solido e consistente ma alla soglia dei 30 anni sembra impossibile per lui conquistare un grande titolo. Nonostante Wawrinka abbia dimostrato che il salto di qualità può avvenire anche in tarda età, Tomas non sembra in grado di emularlo. Detto questo ci aspettiamo il solito torneo dal ceco: difficilmente uscirà sconfitto da un giocatore di bassa classifica ma altrettanto difficilmente sarà in grado di stupirci. L’ipotetico quarto di finale contro Federer lo vede nettamente sfavorito ma non parte comunque sconfitto (Berdych infatti ha già sconfitto lo svizzero su questi campi, quarti di finale 2010). In semifinale, invece, l’ostacolo Murray sembrerebbe totalmente insormontabile.

Quota Berdych: 50.00

Testa di serie numero 7: Milos Raonic
Testa di serie numero 7: Milos Raonic

Milos Raonic dopo l’ottimo torneo dello scorso anno, dove si arrese soltanto a Roger Federer in semifinale, si presenta a Wimbledon con grandi aspettative ma anche con diverse preoccupazioni: il canadese ha tanti punti da difendere ed è, inoltre, reduce da un infortunio che lo ha costretto a saltare gran parte della stagione su terra (Roland Garros incluso). Tecnicamente il suo tennis veloce e potente, a partire dal devastante servizio, si abbina perfettamente alle caratteristiche dell’erba e ne fa un avversario ostico per chiunque. Anche dal punto di vista psicologico, nonostante la giovane età, ha dimostrato di reggere bene la pressione e di non avvertire nessun timore reverenziale verso avversari più blasonati. Saranno da valutare invece le sue condizioni fisiche dopo l’infortunio.

Quota Raonic: 50.00

Testa di serie numero 8: David Ferrer
Testa di serie numero 8: David Ferrer

La quota dei bookmakers assegnata a David Ferrer sembra già dire tutto: a 33 anni, sulla superficie a lui meno congeniale, non c’è da aspettarsi troppo dal mitico “Ferru” che però, ne siamo certi, venderà cara la pelle. Ad affievolire le sue possibilità un tabellone molto insidioso: Pospisil, o Fognini, al terzo turno sono avversari temibili prima di un ipotetico “derby”negli ottavi di finale contro Rafael Nadal. Il teorico quarto infine sarebbe contro Andy Murray.

Quota Ferrer: 150,00

Menzione speciale, testa di serie numero 10: Rafael Nadal
Menzione speciale, testa di serie numero 10: Rafael Nadal

Per la prima volta in carriera non rientra tra le prime otto teste di serie in un torneo dello Slam ma lasciare fuori Rafael Nadal da questo elenco di ipotetici favoriti sembrava davvero ingeneroso nei confronti di un giocatore che ha scritto la storia di questo sport. Negli ultimi anni le apparizioni di Rafa a Wimbledon sono state brevi e dolorose e quest’anno sarà ancora più difficile. Il tabellone come era prevedibile (essendo fuori dai primi 8) non è stato clemente: Ferrer agli ottavi, Murray ai quarti, Federer in semifinale e Djokovic in finale. Questo l’ipotetico cammino a cui sarebbe costretto Nadal per conquistare il titolo dei Championships. L’impresa è praticamente impossibile ma se c’è uno che non si arrenderà e lotterà fino alla fine quello è lui.

Quota Nadal: 22,00

Di seguito il tabellone completo:


tabellone Wimbledon tabellone Wimbledon