SHARE

aguero

Tris del Manchester City. Gli uomini di Pellegrini supera 3-0 il Chelsea con le reti di Aguero, Mangala e Fernandinho. I “Blues” non sono mai pericolosi dalle parti di Hart: nella ripresa solo Hazard suona la carica con scarsi risultati.

ANALISI TATTICA – Pellegrini schiera dal primo minuto Aguero al centro dall’attacco con il terzetto di trequartisti alle sue spalle: Navas-Silva-Sterling. In porta gicoa Hart, con Sagna e Kolarov sulle fasce e Kompany-Mangala la coppia dei centrali difensivi. In mezzo al campo agiscono Fernandinho e Yaya Toure. Stesso modulo per José Mourinho che posiziona Diego Costa come unico riferimento offensivo con Ramires-Willian-Hazard ad agire alle spalle dell’attaccante spagnolo. In porta c’è Begovic (Courtois squalificato), mentre in difesa giocano Ivanovic e Azpilicueta sulle fasce e Cahill-Terry al centro della difesa dei “Blues”. Il Manchester City parte forte attaccando con tutti i propri uomini sia per zona centrale con Aguero che fa salire la squadra sia sulle fasce sfruttando la velocità di Navas e Sterling. Il Chelsea prova a difendersi per poi ripartire in contropiede, ma gli uomini di Pellegrini sono bravi a recuperare la palla velocemente non lasciando così spazi alla squadra di Mourinho. Aguero s’inventa un gol con un’azione personale. I “Blues” non riescono a creare gioco, il City si difende alla grande con due linee da quattro e con uno strepitoso Sterling in fase di non possesso sull’out sinitro. In alcune occasioni l’ex Liverpool si accentra per lasciare spazio sulla sinistra a Kolarov per sfruttare la sua precisione nei cross. L’attacco di Pellegrini dialoga velocemente con due tocchi al massimo e la retroguardia di Mourinho soffre la rapidità degli uomini offensivi dei “Citizens”. Nella ripresa ci prova Hazard a suonare la carica dei suoi con qualche azione personale, ma il belga non viene accompagnato dai suoi compagni. Diego Costa non riesce mai ad avere la meglio sui centrali avversari: Mangala e Kompany non gli concedono spazi per colpire e l’attaccante ex Atletico Madrid non si rende mai pericoloso dalle parti di Hart. Nel finale Kompany e Fernandinho fissano il risultato sul tre a zero definitivo. Pellegrini batte Mourinho.

PROTAGONISTI – Il Manchester City gioca una partita strepitosa in tutte le zone del campo: la retroguardia non va mai in affanno. Kompany e Mangala sono attenti e non regalano spazi a Diego Costa. Sagna a destra tiene bene Hazard, che si sveglia solo nella ripresa con qualche spunto personale. In mezzo al campo Fernandinho è una vera e propria diga: Willian non lo salta mai. In attacco Aguero-Silva-Sterling-Navas dialogano a meraviglia con due tocchi al massimo. Ivanovic non riesce a prendere le dovute contromisure alla velocità di Sterling che gli sfugge in diverse occasioni.

IL MOMENTO – Il Chelsea prova a pareggiare i conti nella ripresa, ma a dieci minuti dalla fine ci pensa Kompany a portare i suoi sul 2-0.

LA GIOCATA – L’azione personale di Aguero in occasione del gol del momentaneo uno a zero è fantastica. L’attaccante argentino umilia Cahill e supera Begovic con un mancino piazzato.

IL TABELLINO MANCHESTER CITY-CHELSEA 3-0

MAN CITY (4-2-3-1): Hart 6, Sagna 6.5, Kompany 7, Mangal0 6.5, Kolarov 7, Yaya Toure 6.5, Fernandinho 7, Navas 6.5 (Nasri 6), Silva 7, Sterling 6.5 (Demichelis 6), Aguero 7 (Bony 6).

CHELSEA (4-2-3-1): Begovic 6, Ivanovic 5.5, Cahill 5.5, Terry 5.5 (Zouma 5.5), Azpilicueta 5.5, Fabregas 5.5, Matic 6; Willian 5.5 (Falcao sv), Ramires 6, Hazard 6, Diego Costa 5.

Marcatori: 31′ Aguero, 79′ Kompany, 85′ Fernandinho.

Ammoniti: Kompany, Fernandinho, Ivanovic, Toure, Hazard, Mangala

SHARE