SHARE

arsenal-liverpool

Diramate le formazioni ufficiali di Arsenal-Liverpool, big match della terza giornata di Premier League della stagione 2015/16. Rodgers punta forte su Benteke, Wenger risponde con il solito trio formato da SanchezOzilGiroud; sarà 4-3-3 a confronto.

Formazioni ufficiali Arsenal-Liverpool

Arsenal (4-3-3): Cech; Bellerin, Chambers, Gabriel, Monreal; Coquelin, Cazorla, Ramsey; Ozil, Sanchez, Giroud. All. Wenger.

Liverpool (4-3-3): Mignolet; Clyne, Skrtel, Lovren, Gomez; Milner, Can, Lucas; Firmino, Coutinho, Benteke. All. Rodgers.

Arsenal-Liverpool, le sensazioni

WENGER – “Il Liverpool è perfettamente in grado di prendere delle decisioni” ha dichiarato il tecnico francese ai giornalisti, prima del big match di Premier League proprio contro la squadra di Rodgers. “Non ci hanno voluto vendere Suarez, quindi non posso certo provare compassione per loro. Mi ritengo un estimatore di Sterling. Vedremo cosa farà nel lungo periodo. Non penso che il giocatore facesse delle tragedie: sono cose che accadono durante la finestra di mercato. Durante la stagione il ragazzo era tranquillo, non ha mai fatto commenti stupidi. E’ un giocatore di qualità. Loro comunque hanno comprato Firmino, che è un profilo simile. Vedremo cosa combinerà. Ma ricordate: due anni fa Suarez, Sturridge e Sterling segnarono in tutto più di cento gol. Per segnare così tanto in Premier devi avere un talento speciale. (fonte calciomercato.com)

RODGERS – “Ho un gruppo di giocatori che lavorano senza sosta ogni singolo giorno e che mi danno tutto. Abbiamo analizzato la nostra prestazione e la nostra classifica come abbiamo fatto altre volte durante l’anno. Un obiettivo importantissimo per noi in questa stagione con la possibilità di conquistare un’altra semifinale. Il Blackburn è una squadra con giocatori eccellenti, che si è difesa benissimo ad Anfield. Saremo concentrati e determinati e non vediamo l’ora di andare in campo dopo la sconfitta di sabato. Questro gruppo vuole vincere la FA Cup e speriamo di chiudere la stagione alla grande”. (fonte La Repubblica)

 

Stefano Mastini

SHARE