SHARE

alex sandro presentazione

Giornata di presentazioni in casa Juventus: la conferenza stampa riguarda il terzino sinistro brasiliano Alex Sandro, fra i migliori al mondo, pagato a peso d’oro dalla dirigenza bianconera. La maglia che indosserà sarà la numero 12, la motivazione che al Porto era indossata da un suo grande amico: “Ho scelto questo numero perché ce l’aveva il mio amico Hulk nel Porto“, ha dichiarato l’esterno mancino di Madama.

Arrivato comunque in forma smagliante, il giocatore è pronto per il big match della prossima settimana all’Olimpico contro la Roma, che potrebbe vederlo titolare per la prima volta con la maglia bianconera numero 12: “Sarà una partita difficile, una classica, ma sono pronto per giocare. Il campionato italiano è difficile, il più tattico al mondo, e so che mi aiuterà a crescere. I miei riferimenti? Roberto Carlos e Patrice Evra sono i giocatori che mi ispirano maggiormente, io cerco sempre di attaccare e difendere nel migliore dei modi, gioco per vincere. Ho già parlato col mister della mia collocazione, ho un’idea di come vuole impostare il gioco“.

Nella giornata di ieri ha avuto il primo impatto con lo Juventus Stadium, giornata agrodolce per la sconfitta con l’Udinese: “Ho vissuto sensazioni fantastiche appena entrato allo stadio, purtroppo abbiamo perso perché abbiamo pagato caro una distrazione, ma abbiamo giocato una buona gara. Ho ricevuto altre offerte ma non mi interessavano, so che la Juventus mi darà molto: seguo la squadra dai tempi di Del Piero e Trezeguet, quando il Porto è uscito ho fatto il tifo per loro“.

Chiusura dedicata al selezionatore verdeoro Carlos Dunga, riconquistare la maglia del Brasile è l’obiettivo del ragazzo: “Dunga preferisce chiamare altri, io lavoro per tornare in Nazionale“. Classe 1991, il ventiquattrenne brasiliano è approdato alla Juventus per una cifra monstre di 26 milioni di euro, moltissimi per un difensore che sarebbe andato in scadenza nel 2016: segno che a Torino credono molto nelle sue qualità, tanto da fare un investimento più che significativo.

SHARE