SHARE

allan

Al Castellani di Empoli è andato in scena il match tra gli azzurri toscani padroni di casa e il Napoli del grande ex Maurizio Sarri. La gara termina 2-2 grazie alle reti illusorie per l’Empoli di Saponara e Pucciarelli, e a quelle che fruttano il pareggio partenopeo di Insigne e Allan nella ripresa.

LA CHIAVE TATTICA – Avvio super dell’Empoli di Giampaolo che trova il vantaggio dopo appena tre giri d’orologio con il solito Saponara che mette a nudo a più riprese tutti i limiti difensivi del Napoli, il quale mantiene una linea difensiva eccessivamente alta e mal allineata già in occasione dell’1-0. 4-3-1-2 lo schema tattico adottato da entrambi i tecnici ma con sostanziali differenze di atteggiamento che mettono su piani totalmente differenti le prestazioni collettive delle due compagini: i ragazzi di Giampaolo non sbagliano un colpo, tentano sin da subito di imporre i propri ritmi cercando spesso e volentieri la verticalizzazione verso i movimenti dei due attaccanti e Saponara che a turno si allargano sulle corsie per ricevere palla, far allargare anche la retroguardia ospite e cercare così l’imbeccata centrale per l’inserimento del trequartista. dall’altra parte gli azzurri, oggi in maglia rossa, hanno subito costantemente le iniziative dei padroni di casa nella prima frazione evidenziando limiti nel centrocampo, incapace di fare filtro e di costruire se non con complicate trame centrali, e della difesa a seconda dell’occasione troppo alta o eccessivamente schiacciata verso l’area di rigore. La rete di Insigne è una giocata estemporanea, manifesto delle difficoltà partenopee. L’avvio di ripresa restituisce il Napoli al match che parte subito con un piglio diverso e trova la rete del pareggio con Allan. Gli azzurri di casa calano fisicamente alla distanza in concomitanza con la crescita dei ragazzi di Sarri che cominciano a macinare gioco. La girandola di cambi da un lato, quello empolese, è utile per spezzare ancora di più i ritmi della gara, mentre dall’altra il tecnico partenopeo cambia modulo schierando i suoi con un 4-3-3 con Callejon e Mertens esterni d’attacco. In particolare sfruttando la posizione e la verve del belga gli ospiti creano più di qualche problema attaccando sull’out mancino senza però trovare la rete della vittoria. Di contro l’Empoli si difende bene e prova a ripartire con le forze residue ma il risultato non cambia più. Termina 2-2.

I PROTAGONISTI – Saponara su tutti orchestra ogni giocata dei padroni di casa risultando a tratti imprendibile per la retroguardia del Napoli con le sue progressioni. Ottimo Pucciarelli, abile anche ad andare in rete mentre sorprende la prova del giovanissimo Diousse che in mediana non fa rimpiangere il napoletano Valdifiori con una prestazione da leader del centrocampo. Recupera palloni e li smista neanche fosse al suo decimo anno di Serie A. Albiol e Maggio sono l’emblema di una difesa che continua a non funzionare. Valdifiori ed Allan soffrono moltissimo, soprattutto nel primo tempo, nel quale non costruiscono e non recuperano palloni. Buono l’impatto di Mertens sul match.

LA GIOCATA – Nella totale nebbia del primo tempo del Napoli a spiccare è sicuramente il gioiello di Lorenzo Insigne che mette a segno la rete del momentaneo 1-1. Pallone lavorato da Gabbiadini sulla destra e scarico all’indietro per il numero 24 che dai venti metri non ci pensa su due volte e scarica un gran destro che acceca Skorupski.

IL MOMENTO – Il match cambia in avvio di ripresa con i primi sprazzi di sarrismo del Napoli che trova subito il goal del 2-2 e riapre una partita altrimenti destinata sulla falsa riga dei primi 45 minuti.

TABELLINO E PAGELLE:

Empoli-Napoli 2-2 (3′ Saponara, 7′ Insigne, 18′ Pucciarelli, 50′ Allan)

Ammoniti: Croce, Livaja (E), Allan , Valdifiori, Hysaj, Jorginho (N)

Espulsi:

EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski 6; Zambelli 6 (Laurini sv), Tonelli 6,5, Barba 6, Mario Rui 6; Zielinski 6 (Paredes 5,5), Diousse 7, Croce 6,5; Saponara 7,5; Pucciarelli 6,5, Maccarone 6 (Livaja 5,5) All. Giampaolo

NAPOLI (4-3-1-2): Reina 6; Maggio 5, Albiol 4,5, Chiriches 5,5, Hysaj 5,5; Allan 5,5, Valdifiori 5 (Jorginho 6), Hamsik 5,5; Insigne 6 (Mertens 6,5) ; Gabbiadini 6 (Callejon 6), Higuain 5,5. All. Sarri

SHARE