SHARE

12053137_10207888957565016_20205323_n

L’Atalanta passa ad Empoli grazie ad una rete di Toloi nel primo tempo. Ottima la prova dei ragazzi di Reja che dimostrano una buona compattezza.

Chiave Tattica: L’Empoli si presenta con il consueto 4-3-1-2 con Ronaldo in mezzo al campo e Piu a dare fiato a Pucciarelli. 4-3-3 ormai collaudatissimo per i bergamaschi con il tridente sudamericano Gomez-Pinilla-Moralez pronto a colpire.

La partita è davvero piacevole, le due squadre si affrontano a volto scoperto ed attaccano dal primo minuto. Le occasioni non mancano da ambo le parti, anche se la più ghiotta l’ha sicuramente l’Empoli ma Piu non riesce a trovare l’incornata vincente. Colpo che invece al 31′ trova Toloi sugli sviluppi di un corner, portando i suoi in vantaggio. A tal proposito, pessima la marcatura su di lui, che riesce tranquillamente a scavalcare due uomini. Se fino ad ora avevamo visto solo belle giocate da ambo le parti, con Moralez e Gomez da un lato e Saponara e Paredes dall’altro a mostrare tutto il loro estro, dopo questa rete i nerazzurri hanno la lucidità di compattarsi e giocare di ripartenze. Il rischio si corre, come quando Saponara ne salta due e allarga per Maccarone, che dovrebbe solo rientrare e cercare la giocata mentre decide, poco saggiamente, di puntare l’uomo in velocità. Generalmente però l’Atalanta ha il merito di dimostrare una sicurezza incredibile, lasciando giocare l’Empoli ed attaccando al momento giusto, sfruttando tutta la rapidità degli argentini sulle fasce. Il centrocampo, che a dire il vero si vede poco, ha però un peso importantissimo: Grassi prima e Migliaccio poi, si posizionano continuamente sulla linea dei difensori avversaria creando non pochi grattacapi. Kurtic e De Roon gestiscono benissimo gli equilibri, aiutando molto sia in copertura che in fase offensiva. Dei padroni di casa non si può assolutamente dire lo stesso: se Paredes parte alla grande con giocate di alto spessore, si affievolisce a partita in corso, cosa che penalizza molto Diousse, totalmente fuori dal match. Saponara è ben chiuso e non riesce a duettare con gli attaccanti e per di più il “Big Mac” non sembra proprio in serata. Nel finale gli uomini di Gianpaolo cercano di sfruttare a pieno i 6 minuti di recupero, ma la squadra di Reja mostra l’ennesima dimostrazione di compattezza non ricadendo negli errori di Verona.

I Protagonisti: Alla vigilia della partita avevamo parlato di un cambio generazionale nella difesa dell’Atalanta che sembrava ancora avere problemi nel reparto arretrato. Ecco, stasera Paletta e Toloi ci hanno smentito fornendo una prova di grande solidità condita anche con una rete da parte del brasiliano (saranno gli insegnamenti della vecchia guardia Stendardo?)

La Giocata: Sublime doppio tunnel di Saponara in un’azione in contropiede purtroppo sciupata da Maccarone. Questo ragazzo è destinato a grandi cose.

Il Momento: I minuti finali hanno fatto uscire tutto il carattere dei bergamaschi. Qualcuno intravedeva lo spettro di Verona dopo i 6 minuti concessi, ma i ragazzi hanno controllato con calma e lucidità.

Tabellino Empoli-Atalanta:

Empoli (4-3-1-2) Skorupski 6; Zambelli 5,5, Tonelli 5, Costa 5,5, Rui 5,5; Croce 6, Paredes 5,5, Ronaldo 6 (dal 46′ Diousse 4,5); Saponara 6, Maccarone 5 (dal 79′ Pucciarelli 6), Piu 5 (dal 46′ Livaja 5,5) Allenatore: Gianpaolo

Atalanta (4-3-3) Sportiello 6; Masiello 6 (dal 64′ Bellini 6), Toloi 7 (dal 85′ Stendardo 6), Paletta 6,5, Drame 6,5; Grassi 6 (dal 58′ Migliaccio 6,5) De Roon 6,5, Kurtic 6; Maxi Moralez 6,5, Pinilla 6, Gomez 6 Allenatore: Reja

Ammoniti: Pinilla (34′), Moralez (42′), Grassi (49′), Bellini (90′) (A); Saponara (86′), Diousse (88′) (E)
Marcatori: Toloi (31′)
Arbitro: Gavillucci

SHARE