SHARE
Domenico Berardi, Sassuolo - Fonte Twitter account ufficiale Sassuolo
Domenico Berardi, Sassuolo - Fonte Twitter account ufficiale Sassuolo

comproprietà-berardi

Derby d’alta classifica fra Sassuolo e Chievo: entrambe le squadre hanno avuto un brillante inizio di campionato, dimostrandosi molto preparate alla categoria, più di altre piazze più prestigiose. Per la partita del Mapei Stadium Eusebio Di Francesco ha tutti e disposizione, quindi dovrebbe cambiare poco: turno di riposo per Peluso, gioca Gazzola, in attacco dopo il turnover dell’infrasettimanale dovrebbe tornare Defrel assieme a Domenico Berardi. Il Chievo risponde con l’undici che tanto bene ha fatto nelle prime giornate: l’unico dubbio riguarda qualche scelta di turnover, con Cacciatore che potrebbe insidiare uno dei due terzini e capitan Pellissier che scalpita ancora in attacco.

Sassuolo-Chievo, le probabili formazioni

Sassuolo (4-3-3) Consigli; Gazzola, Acerbi, Cannavaro, Vrsaljko; Duncan, Magnanelli, Missiroli; Sansone, Defrel, Berardi. Allenatore: Di Francesco.

Chievo (4-3-1-2) Bizzarri; Gobbi, Cesar, Dainelli, Frey; Hetemaj, Rigoni, Castro; Birsa; Meggiorini, Paloschi. Allenatore: Maran.

Qui Di Francesco post Palermo: “Non guardiamo la classifica, se abbiamo questi punti lo stiamo meritando. Siamo venuti qui per vincere e ci siamo riusciti, ora voglio continuità dai miei. La nostra mentalità resta quello di imporre sempre e ovunque il nostro gioco. Godiamoci questo momento, siamo da poco tempo in serie A e quasi sempre nella parte destra della classifica. E pensiamo allo scontro diretto al vertice con il Chievo. L’anno scorso avevamo perso nei minuti di recupero. Stavolta ci siamo rifatti. Abbiamo avuto delle opportunità, delle ripartenze importanti che potevamo sfruttare meglio. Ai nostri avversari, comunque, abbiamo concesso poco e niente ai nostri avversari e questo è motivo d’orgoglio, perché se il Palermo avesse vinto avrebbe potuto guardare in un certo modo la classifica. E, invece, tocca a noi. Sono soddisfatto. Tanto più che alcuni calciatori utilizzati meno mi hanno dato risposte importanti. Quasi tutti italiani all’inizio? Siamo orgogliosi di avere molti italiani e tutti bravi. Il nostro patron ama il made in Italy e noi seguiamo questa strada“.

SHARE