SHARE

Inter-Verona

Toni e Pazzini out, e il Verona si ritrova in crisi non solo di risultati ma anche di rosa. Mandorlini rischia di pagare delle colpe non totalmente sue?

 

In casa Verona la situazione non è certo delle più rosee: gli scaligeri stanno affrontando che quello che, probabilmente, è il peggior momento della squadra dal ritorno in Serie A. Il pareggio casalingo contro la Roma nella prima giornata aveva illuso i tifosi, poi il rendimento della squadra è andato via via peggiorando. E le domande sul team e sulla sua gestione tecnica fioccano senza freni, nonostante si sia solo all’inizio del campionato.

3 punti in 5 partite per gli uomini di Mandorlini, un po’ pochi per chi si aspettava garanzie da una squadra comunque rinforzata dal mercato estivo. Più che la presunta mancanza di risultati, il vero problema di questo inizio campionato sono stati gli infortuni: l’assenza di uomini chiave come Romulo, Hallfredsson (ormai quasi recuperato), Pazzini e Toni ha di fatto modificato l’assetto del Verona verso il basso, togliendo quantità e qualità al servizio dell’allenatore. In particolare il problema maggiore riguarda gli attaccanti: sia il capocannoniere della scorsa Serie A che l’ex attaccante di Inter e Milan saranno ai box per tempo considerevole, e anche prima dei ko il loro apporto non era stato fenomenale (Toni un gol su rigore, Pazzini a secco e spesso in panchina). Un problema enorme per Mandorlini che non può applicare il suo credo calcistico e che dovrà sostituire i due con Siligardi, calciatore che possiede caratteristiche differenti rispetto a quelle di una prima punta. In tutto ciò ad avere i maggiori problemi potrebbe essere proprio il tecnico: Mandorlini pare aver perso un po’ di credito rispetto alle stagioni precedenti, anche per alcune scelte di formazione non proprio idialliche fatte nelle scorse settimane. La partita contro la Lazio potrebbe essere uno spartiacque decisivo sia per il suo futuro che per il campionato del Verona: i mezzi per puntare alla salvezza ci sono anche quest’anno e, probabilmente, con un abbozzo di formazione tipo al recupero degli infortunati, la stagione potrebbe prendere una piega soddisfacente.

SHARE