SHARE

pjanic

Tutto facile per la Roma. I giallorossi superano con una cinquina il Carpi: gol della bandiera per l’ex Borriello. Nel finale rigore sbagliato da Matos: grande parata di Morgan De Sanctis sul tiro dell’attaccante brasiliano.

CHIAVE TATTICA – Garcia opta per il 4-3-3 con Salah e Gervinho ai lati di Dzeko: turno di riposto per Iago Falque. In mezzo al campo c’è Nainggolan con Keita e Pjanic. In difesa ancora una volta De Rossi in coppia con Manolas, mentre sulle fasce agiscono Maicon a destra e Digne a sinistra. Castori sceglie il 3-5-2 con Brkic tra i pali; difesa a tre con Zaccardo, Gagliolo e Romagnoli. Sulle fasce agiscono Letizia e Gabriel Silva, mentre in mediana il trio formato da Bianco-Cofie-Fedele. In attacco Castori sceglie Matos-Borriello. Gli emiliani provano a chiudere tutti gli spazi rallentando così il giro palla della Roma, che con pazienza prova ad impensierire i difensori del Carpi. Garcia chiede ai suoi di sfruttare l’ampiezza con gli esterni veloci come Salah e Gervinho. Castori, invece, vuole difendere con due linee strette per poi ripartire in contropiede con Matos e Borriello: l’ex attaccante giallorosso va a vicino al gol del vantaggio, ma De Sanctis si salva con una grande parata. Su un tiro da fuori di Digne, arriva il vantaggio della Roma con Manolas. Dopo pochi minuti la Roma raddoppia con un preciso calcio di punizione di Pjanic dal limite d’area. Il Carpi non riesce a reagire e Gervinho firma il tris al 31′. Borriello prova a dare la scossa ai suoi segnando il gol del momentaneo 3-1, ma gli uomini non riescono a costruire trame di gioco per mettere in difficoltà la squadra di Garcia. Nella ripresa entra Totti al posto di Dzeko, ma il capitano giallorosso si fa male dopo pochi minuti in occasione del 4-1 di Salah. La Roma prende il sopravvento e Digne firma il 5-1 con un colpo di testa a pochi passi da Brkic: nel finale il Carpi sbaglia un calcio di rigore con Matos. Bravo l’ex numero uno del Napoli a neutralizzare il tiro dagli undici metri dell’attaccante brasiliano. Garcia torna a sorridere.

I PROTAGONISTI – Salah e Gervinho mettono costantemente in difficoltà la retroguardia di Castori andando anche a segno con un gol a testa. Brkic è il peggiore in campo del Carpi: l’ex numero dell’Udinese subisce ben cinque reti. Borriello, invece, è l’unico che ci prova fino alla fine segnando il gol della bandiera e sciupando altre due occasioni davanti a De Sanctis. Maicon e Digne si sovrappongono alla perfezione aiutando tantissimo gli esterni giallorossi.

IL MOMENTO – Nel giro di sette minuti la Roma si porta sul 3-0: i giallorossi soffrono poco nei primi trenta minuti del primo tempo.

LA GIOCATA – Nel primo tempo Salah fa scorrere la palla, che passa sotto le gambe a Gabriel Silva, e l’egiziano si rende pericoloso con giocate di alta classe.

Il tabellino del match ROMA-CARPI 5-1

Roma (4-3-3) De Sanctis 7, Maicon 6, Manolas 6.5, De Rossi 6, Digne 7, Pjanic 7, Keita 6 (Vainqueur 6.5), Nainggolan 6, Salah 6.5, Dzeko 6 [46′ Totti s.v. (55’Iturbe 6)], Gervinho 7. Allenatore: Garcia.
Carpi (3-5-2) Brkic 4.5; Gagliolo 5, Romagnoli 5 (46′ Di Gaudio 6), Zaccardo 5; Gabriel Silva 5.5, Bianco 5, Cofie 5.5, Fedele 5 (55’Lazzari 6), Letizia 6; Matos 5, Borriello 6.5 (72′ Lasagna 6). Allenatore: Castori.

Reti: 24′ Manolas, 28′ Pjanic, 31′ Gervinho, 34′ Borriello, 51′ Salah, 68′ Digne.

Ammoniti: Cofie, Maicon

SHARE